Top
  >  Lifestyle

L'arredamento è diventato negli ultimi due o tre anni, essenzialmente da quando cerco e ho una casa mia, uno dei mie pallini. Non sono un architetto, non sono un progettista né un arredatore, ma guardare, osservare e curiosare, mi piace molto. Per questo motivo ho deciso che il Cersaie di Bologna, a cui non ero mai stata, poteva essere una buona occasione per dare uno sguardo alle nuove tendenze in tema bagni e arredamento in generale.

C'è stato un tempo in cui Giulio era così piccolo, che dove lo mettevo stava. Rimaneva fermo per ore, nemmeno si rotolava. Dormiva interi pomeriggi e se lo portavo un po' con il passeggino in giro (al massimo con il marsupio per farlo addormentare), rimaneva tranquillo per taaaanto tempo. Poi è cresciuto. Questo è il racconto della nostra prima estate diversa, tutti al lavoro ma con baby sitter al seguito.

In inverno ci si ammala di più, dicono. Soprattutto se si sta in casa, se si tengono le finestre sempre chiuse e se si preferiscono i giochi con i bambini all'interno di un ambiente domestico anziché all'esterno. Questo è quanto ho imparato in tre inverni a casa con Giulio. Lo scorso gennaio infatti, poco intimiditi dal freddo, abbiamo voluto festeggiare il suo secondo compleanno a Praga (con -5 gradi fissi).

A quanto pare le mezze stagioni non esistono più e a dire il vero le stagioni tutte a me sembra non stiano troppo bene! Stiamo passando un periodo veramente strano, il clima sta cambiando e il nostro pianeta ci chiede giustizia. In tutto questo le spese le facciamo noi nella nostra quotidianità, anche se i veri danni li vedremo con il tempo. Il risultato ad oggi è che le città sono sempre più inquinate e il clima non è più come un tempo, con il cambio secco di stagione e le temperature che scendono in picchiata, insomma ci stiamo abituando a temperature che non sono affatto quelle che dovremmo avere in questo periodo. 

Al rientro a casa dal nostro ultimo viaggio ho avuto la sensazione di rientrare in una bellissima casa, ma con qualcosa che non mi tornava e mi sono detta: "questa casa è davvero bella, ma potrebbe essere la casa di qualsiasi altra persona!". L'arredamento che abbiamo scelto è molto minimal, lineare e dai colori chiari. Purtroppo però non c'è ad oggi qualcosa che la differenzia davvero. O meglio, non c'era fino ad oggi!

La storia di Giusy l'ho conosciuta da pochissimo, lei invece l'avevo conosciuta almeno 10 anni fa, ad un evento svoltosi proprio a Rimini, quando io vivevo un'altra vita e probabilmente anche lei. Giusy è calabrese, allora lavorava in un hotel e a Rimini era arrivata per lavoro. Ora Giusy vive in Veneto, a Oderzo dove si trova il suo negozio e il suo laboratorio, è mamma, produce vestiti per bambini e secondo me è molto felice