Top
  >  blog (Page 7)

Diciamo le cose come stanno: tutti possono aprire un blog di viaggi, un'altra cosa è aprire un blog di viaggi o semplicemente un blog travel, fashion o food che sia di qualità. Vi sembrerà la stessa cosa, penserete che aperto un blog di viaggi, saranno solo i contenuti a fare la differenza e a farlo diventare di qualità, non è così. In questo post, in 10 passi, inizieremo dalle basi e spiegherò nel modo più concreto possibile di come aprire e rendere un blog operativo. Dalla A alla Z. Questo non farà del vostro blog un blog di qualità, ma solo un blog funzionale. Starà poi a voi, con i contenuti, la seo, la costanza e le scelte giuste a farlo diventare qualitativamente superiore. Questi aspetti li affronteremo in altri post a parte.

Una delle domande che mi viene fatta sempre più spesso, soprattutto dopo il post su Come diventare Travel Blogger e che viene anche di conseguenza, è "Come faccio a scrivere un post al giorno se non viaggio?". Eccoci di nuovo a parlare un po' di me, della mia esperienza, di voi e di cosa volete fare di questa passione/professione o come la volete chiamare. Le risposte a mio avviso sono essenzialmente due, ma parto da un pochino più indietro se non vi dispiace.

Giusto l'altro giorno stavo blaterando del fatto che questo 2015 era iniziato e andato troppo di fretta, che era già passato un mese e io non avevo tenuto fede a tutti i buoni propositi di fine anno, e ieri... e ieri mi sono ritrovata sul giornale. Va bene dai, un po' di fretta ci sta e anche il fatto del non rispettare i buoni propositi, se poi questi sono i risultati.

Ieri ho fatto una cosa nuova, sono andata in televisione! :D Stento ancora a crederci, ma è successo davvero. Voi avete idea dell'emozione? Appena mi è stato comunicato, la prima reazione è stata "dì-di.no, dì-di-no, dì-di-no" e intanto la mia bocca diceva "Sì" -.-" Poi ho iniziato a riflettere. Oddio la televisione! Adesso mi vedranno tutti, sapranno tutti chi sono. Che poi questi "tutti", chi sono? Probabilmente hanno visto la trasmissione tutti i miei parenti e i miei amici stretti, bè quasi tutti, qualcuno se n'è dimenticato, qualcuno forse volutamente, ma che ci vuoi fare?!

Sono le 4.30 di mattina qua a Kyoto e io non riesco a dormire. Quando faccio uno di questi viaggi mi dimentico sempre di prendere qualcosa per l'insonnia da viaggio, come se non ne soffrissi. Stessa sorte mi era capitata a New York. Io ci provo, mi rimetto giù, mi dondolo un po', mi avvicino a Giuseppe che lui il jet lag non sa nemmeno cosa sia (si addormenta la sera e si risveglia la mattina in ogni paese!), ma proprio niente. Cosi, dato che che sono sveglia mi è venuto in mente che forse potrei approfittarne per scrivere qualcosa sul Giappone.

Qualche giorno fa l'ho scritto anche sulla mia pagina Facebook, il 2015 che voglio è lavorare di meno e vivere di più. Giusto per tranquillizzare subito i miei soci, mi spiego meglio: è lavorare meno e meglio e vivere di più e meglio! Si cresce insomma. Gli ultimi due anni sono stati ricchi di impegni, lavoro, viaggi... tanto che sono volati. Ho avuto tantissime belle opportunità, occasioni di viaggio irripetibili, tante bellissime collaborazioni e nuovi contratti. Ma la vita non è solo lavoro e, anche se qualcuno dice che è impossibile e che sono troppo iperattiva per fermarmi anche solo un po', io voglio farlo - o almeno voglio provarci. Voglio lavorare di meno ma vivere meglio, voglio camminare di più, cazzeggiare di meno davanti al Mac, leggere meno post polemici (in realtà con quelli ho smesso da un po') e meno commenti di persone che non sanno cosa vogliono dalla vita.