Top
  >  Destinazioni (Page 4)

Il viaggio di luglio con Giulio, in montagna e precisamente in Tirolo a Kufstein, è stato il primo vero viaggio non al mare. Lo ammetto, io sono un amante del mare, sia perché ci vivo, sia perché ci sono nata. Le montagne la conosco abbastanza bene, perché fin da piccola i miei genitori mi hanno sempre abituata ad andarci, soprattutto in estate. Se devo scegliere io la mia meta di viaggio però, 9 volte su 10 sceglierò sempre e comunque il mare (di norma). Poi siamo stati a Kufstein e ho scoperto la natura, quella bella, quella soprattutto che piace a Giulio.

I Caraibi sono sempre inconfondibili. Scendi dall'aereo e ti ritrovi in quell'atmosfera in cui tutto è possibile, soprattutto prendere un acquazzone tra un raggio di sole e l'altro. Le piogge non sono sporadiche, sono spesso forti ma passano in men che non si dica e questa è una delle caratteristiche di questa parte di mondo. L'altra è la gente: allegra, solare e sempre con il sorriso pronto!

Come si affronta la malattia in viaggio? Credo che stare male in viaggio sia una delle cose più brutte che possa capitare mentre si è fuori casa. Se poi non capita a noi, ma capita ai bambini, è quasi peggio perché loro sono piccoli, a volte non parlano e vederli stare male in viaggio, quando dovrebbe essere tutto divertimento e scoperta, è davvero demotivante. 

Il viaggio in Norvegia che abbiamo fatto con Giulio nei suoi 16 mesi è stato bellissimo, ma anche molto faticoso. Questo viaggio è stato il primo in cui ci siamo veramente resi conto di una cosa: ognuno di noi ha i suoi tempi, nessuno escluso, nemmeno Giulio che proprio a 16 mesi ha iniziato a manifestare i suoi tempi di viaggio, che ovviamente spesso non coincidevano con i nostri, anzi. 

Quando abbiamo iniziato a pensare concretamente al nostro viaggio a Ibiza con Giulio, eravamo un po' incerti su quello che avremmo trovato una volta là, soprattutto per quel che riguarda i servizi per i bambini e le famiglie. Siamo rimasti molto sorpresi invece da quello che Ibiza ci ha regalato: mare, sole e anche un sacco si spunti per vivere questa destinazione in modo molto semplice e naturale. 

Desideravo vedere Palm Springs da tanto, tantissimo tempo. Così, quando abbiamo iniziato a programmare il nostro viaggio in California, è venuto abbastanza spontaneo inserire anche la destinazione super nota di Palm Springs. La nostra idea è stata fin da subito visitare la California del sud, anche se la primissima idea era di fare la San Francisco - Los Angeles, cosa che abbiamo preferito non fare sia per il meteo di gennaio a San Francisco, sia per il numero di ore di auto dall'una all'altra città. Quindi, per questo itinerario, sarà per un'altra volta, intanto vi racconto di questo

Se Los Angeles mi aveva incantata, San Diego mi ha fatta innamorare. Non stento a credere che ci siano persone che dall'Italia vogliano trasferirsi qui (e ho conosciuto anche chi effettivamente l'ha fatto). San Diego è la California, ma qui si trovano un sacco di influenze messicane, la gente è molto più easy, nel vestire, nel vivere, in tutto quello che fanno. Certo, siamo sempre in America e a ricordarcelo ci sono gli elicotteri e gli aerei che sfrecciano ogni minuto sopra la nostra testa, dato che qui si trova una delle più grandi (se non la prima, ma non vorrei dire una stupidaggine) base navali degli Stati Uniti. 

La California è una destinazione a misura di bambino e nel nostro ultimo viaggio l'abbiamo verificato. Siamo partiti per 10 giorni, atterrati e ripartiti da Los Angeles e abbiamo visitato Los Angeles (4 notti), San Diego (4 notti) e Palm Springs (2 notti). Avremmo potuto vedere di più, muoverci di più, ma quello che volevamo fare era spostarci di meno per goderci a pieno le città e quello che c'era da fare. 

Il viaggio ad Atene, a Marzo, quando Giulio aveva circa 14 mesi e da pochissimo aveva compiuto l'anno, è arrivato come mio regalo di Natale. Erano mesi che mi lamentavo che volevo viaggiare, viaggiare, viaggiare (strano!) e solo a gennaio ero stata a Praga, per non parlare di novembre che ero stata a Cuba. Insomma, la solita lamentela senza motivo alcuno. Ma intanto un biglietto per la Grecia me lo sono trovato sotto l'albero di Natale a forza di lamenti!

Quando si ha un bambino e si ama tantissimo viaggiare, una delle domande che ci si fa più frequentemente è: posso portare il passeggino in aereo? Lo posso portare fin sotto l'aereo? Lo imbarco al check in, oppure me lo prendono dopo ai controlli? Un po' di dubbi e tante risposte su come imbarcare e viaggiare anche con un passeggino in aereo.