Top
  >  Tag "Europa" (Page 4)

Atene mi ha lasciato piacevolmente stupita, tanto che mentre guardavo a occhi sgranati le meraviglie della città greca, mi chiedevo come mai non ci fossi stata prima. Atene in tre giorni si visita benissimo, anche con bambini. È una città facile, tre linee della metropolitana, caldo anche a marzo, intorno ai 20 gradi tanto che non ho mai messo giacche finché ero lì e una cucina che bene o male conosciamo tutti, ma ancora più variegata in terra natia.

Prima di partire per la Bretagna io Yves Rocher quasi non sapevo cosa fosse. Ovviamente avevo spesso sentito parlare di questa marca di cosmetici e bellezza, l'avevo anche più di una volta vista esposta in qualche negozio, ma non l'avevi mai acquistata, non era entrata mai nel mio radar, eppure di amiche che usano Yves Rocher ne ho diverse. Ci voleva il viaggio in Bretagna per farmi scoprire Yves Rocher.

Premetto, il viaggio in Bretagna non è stato super romantico, perché c'era Giulio e chi ha figli lo sa, non è sempre facile fare i romantici quando c'è un pannolino da cambiare, un figlio da distrarre mentre l'altro mangia o un bagnetto da fare quando nell'hotel non c'è la vasca e si sta in tre nella doccia, dove il terzo è il bimbo. Difficile essere romantici così, è vero, ma per chi non ha figli la meta merita sicuramente un pensiero.

Alzi la mano chi conosce la Strada dei Fari della Bretagna! Ecco, lo sapevo, quasi nessuno. Eppure esiste, esiste e io ho deciso di farla perché la Bretagna l'ho sempre voluta visitare, perché da quando ho conosciuto la Strada dei Fari, non ho voluto visitare altro durante il mio imminente viaggio in Francia. 

Quello a Copenaghen è stato un viaggio bellissimo, un viaggio fatto con il sole di mezzanotte, un weekend lungo con Giulio e una città che volevo visitare da un po', ma che non avevo ancora avuto il piacere di vedere. Sono partita per Copenaghen con il diluvio da Riccione, ero a L'Hotel e ad attendermi in Danimarca ho trovato il sole, il sole per tutto il giorno, anche per parte della notte. Ricordo ancora benissimo la prima notte con Giulio "in piedi" alle quattro che si guardava in giro nemmeno fosse mezzogiorno dalla luce che c'era!

Ogni anno nel periodo di Natale amo farmi un viaggetto, basta anche solo un weekend, in una città del nord Europa, o comunque molto più fredda rispetto alle temperature miti della mia città. Mi è capitato sotto Natale anche di andare in posti caldi come nelle Isole Vergini Britanniche o a Mauritius, ma il freddo mi attira sempre di più!

Tra meno di una settimana partirò per la Sicilia, e pensare che fino a tre anni fa non l'avevo mai vista e che adesso invece almeno una volta l'anno devo tornarci perché "ne sento il bisogno". L'Italia è bella tutta, ma la Sicilia è una destinazione a parte. Quest'anno le mie vacanze estive le farò tutte sull'isola siciliana e ho intenzione di vedere tutto quello che mi manca di questa terra.

Torno a scrivere sul blog dopo qualche settimana. Sono stata in giro per un po' e finalmente ora che sono tornata posso scrivere questo post. Lo avevo in mente da un po', dalla Polonia, ma ero sempre così stanca e sfinita la sera che non avevo le forze per fare nulla.

Ad Amsterdam c'ero stata solo una volta, una mezza giornata di tanti anni fa. Venivo da Rotterdam e Utrecht e dovevo ripartire dall'aeroporto della città di Amsterdam per ritornare su Milano. Di quel viaggio non ho tanta memoria, avevamo fatte mille cose e alla fine di Amsterdam avevamo visto quasi niente.