Top
  >    >  Aprile

Come si affronta la malattia in viaggio? Credo che stare male in viaggio sia una delle cose più brutte che possa capitare mentre si è fuori casa. Se poi non capita a noi, ma capita ai bambini, è quasi peggio perché loro sono piccoli, a volte non parlano e vederli stare male in viaggio, quando dovrebbe essere tutto divertimento e scoperta, è davvero demotivante. 

I pomeriggi sembrano più lunghi e divertenti ora che la primavera è finalmente arrivata. Inoltre Giulio ora sta all'asilo fino al pomeriggio e questo ci permette di vivere il nostro tempo alla grande, quando lui esce. Alle 15, quando lo vado a prendere, io ho finito di lavorare, lui invece è riposato e pronto a iniziare un'altra parte di giornata con me. Facciamo di tutto e di più, il sole in questo periodo non manca e l'energia a quanto pare nemmeno!

Il mio rapporto con il sole ha avuto tante fasi diverse. Da piccolissima, mi dice mia mamma, ero sempre al mare. Avevamo una casa sulla spiaggia, nelle Marche, e non facevo altro che stare in spiaggia, stare a mollo, stare in spiaggia e così via, per tutto il dì. Ovviamente protezione 50, me la metteva lei, ed era inevitabile avere altri tipi di protezioni. I genitori sono sempre attenti in questo. #proteggilatuapelle

A due mesi esatti dal ritorno dal nostro viaggio in California, è arrivato il nostro fotolibro di viaggio americano. Il secondo dopo quello sul Sudafrica di cui vi avevo parlato tempo fa. Sto mantenendo il mio buon proposito di raccogliere le foto di viaggio con Giulio e sono all'ultimo viaggio fatto, prima che compisse i due anni.