Top
  >    >  Ottobre

Halloween è una festa che quando ero piccola piccola io, non esisteva. Ho iniziato a festeggiarla quando avevo all'incirca 15/16 anni, ero un'adolescente e mi vestito e partecipavo a feste in discoteca o nei locali sempre in maschera. Una volta vestita da chirurgo ammazzatutti, complice un'amica che lavorava in ospedale, una volta da classica strega e via dicendo. Oggi che c'è Giulio, ma è ancora piccolino, non ho ancora iniziato a vestirlo, ma per il suo primo Halloween ho deciso di fare dei dolci a tema.

La mia vita da blogger è profondamente cambiata nel momento in cui ho deciso di mettere un po' di ordine ai miei contenuti. La vita da freelance non è per niente facile, ancora di più non lo è se oltre alla partita iva, devi mettere in conto anche la presenza di un bambino, peggio ancora se di un neonato. Non dal punto di vista umano, ovviamente, ma dal punto di vista pratico. Ecco allora come ho strutturato la mia vita da Blogger traendone grande vantaggio.

A Praga siamo andati a gennaio. Sì, avete letto bene. Pensavamo che niente potesse essere più freddo di Stoccolma a dicembre, poi sarà che gli anni passano per tutti e si diventa più sensibili, sarà che era davvero molto freddo, ricordavamo Stoccolma molto più calda. Ma ormai avete imparato a conoscermi, di cose poco giudiziose ne faccio spesso e non che con l'arrivo di Giulio sia cambiato qualcosa, a quanto pare. 

La Thailandia è un Paese che sto ancora cercando di scoprire, anche perché sono riuscita a vederlo in sole due occasioni e per pochi giorni. La Thailandia ha un grandissimo pregio, oltre ai tanti già detti in molti articoli, un viaggio a Bangkok per noi europei è abbastanza economico, tanto che ci permette di prenotare anche un Hotel 5 stelle alla cifra di quello che qui da noi pagheremmo un 4 stelle scarso: con servizi che comunque rimangono eccellenti. 

Ho scoperto l'Hummus in Giordania, durante un viaggio da Amman al deserto del Wadi Rum, dove ho trascorso un'indimenticabile èotte sotto le stelle, senza connessione internet e con la compagnia di un gruppo di italiani incredibili, ma non solo, anche di tanti beduini del deserto. L'Hummus è stato come amore a prima vista, anzi no, dico meglio: è stato come un amore al primo assaggio. #cucinoconbimby

Scegliere di andare via insieme, da soli, è stata una mattata, vera e propria. Mi sono ritrovata con due biglietti in mano per la tratta Bologna - Amsterdam e ritorno e una sensazione parecchio strana addosso. Confesso che se la sera prima, il babbo di Giulio non mi avesse incoraggiata un po', forse non sarei nemmeno partita per quel viaggio sotto Natale in Olanda.

New York è stato un fulmine a ciel sereno. Quel Natale è stato per me così emozionante che ricordo benissimo la mattina in cui ci scambiammo i regali. Io, nemmeno ricordo il suo, ma ricordo benissimo una busta con due biglietti aerei per New York con partenza in primavera. Nonostante gli zero gradi fuori casa, io mi sentivo ai Caraibi da quanto ero emozionata e felice! Un regalo coi fiocchi, New York a primavera e la gioia del Natale, è possibile desiderare altro?#cucinoconbimby

Fare un volo di 10 ore con un bambino di nemmeno due anni, non è una cosa facilissima. In questo secondo viaggio intercontinentale di Giulio, il primo l'avevamo fatto con un charter per Cuba per i suoi 10 mesi, mi sono trovata a dover fronteggiare diverse richieste e anche qualche problema. Devo dire però che il carattere di Giulio e i servizi di Thai Airways, ci hanno aiutato non poco.