Jesolo è una piccola oasi di pace. L’ho conosciuta solo pochi giorni fa e l’ho trovata perfetta per passare un weekend in famiglia. Sono sincera, non ho visto la spiaggia di Jesolo, non ho avuto tempo perché mi sono concentrata per due giorni pieni al Caribe Bay, il parco a tema acquatico ex Aqualandia, inserito tra l’altro tra i dieci parchi migliori al mondo.

Sono stata ai Caraibi ormai diverse volte, quelli che si trovano a una decina di ore di volo dall’Italia e devo dire che Caribe Bay, con le sue 2.700 tonnellate di sabbia bianca, le circa 500 palme e i 160 ombrelloni li ricorda molto bene. Caribe Bay è un’isola dei Caraibi nel mezzo di Jesolo, molto vicina al mare, ma del mare non ha bisogno perché l’acqua delle attrazioni è meravigliosa e i divertimenti proposti tanti e per tutti i gusti. Il Caribe Bay è grande nel complesso circa 80.000 mq, c’è molto spazio per divertirsi, nuotare, rilassarsi, mangiare (diversi cibi provenienti da tutto il mondo), ridere e… anche dormire, perché si sa, dopo tante ore in acqua ci si stanca, soprattutto i più piccoli!

Noi non abbiamo fatto giochi troppo pazzi, a me e Giulio basta immergerci nell’acqua fino al collo e avere la possibilità di giocare lì per ore per essere felici. Con queste premesse possiamo stare in acqua anche per 5 ore di fila. Caribe Bay propone comunque un sacco di alternative, anche molto extreme per chi alla voglia di acqua e ha bisogno di aggiungere anche adrenalina pura. Tra queste attrazioni, che ho solo visto senza provare, vi consiglio il Tortuga Sky o lo Scary Falls che si fa in gommone (il gommone può portare due persone), oppure il Barracudas che si fa singolarmente sempre con il gommone. I più intrepidi possono provare il Bungee Jumping, il Ponte Tibetano oppure il Free Climbing (sì, c’è anche questo!). Il Toboganes, il Crazy River e l’Apocalypse, sono tutte attrazioni facili che si possono fare da soli o assieme ad altre persone, ma per le specifiche vi rimando al sito ufficiale del Caribe Bay.

In tutto questo i bambini dove sono? Ai bambini viene riservata non qualche attrazione, ma tantissime attrazioni! Noi siamo stati tutto il giorno a cavallo tra la Shark Bay, un’enorme baia chiamata così per il grandissimo squalo appeso a testa in giù fuori dall’acqua, e la Laguna De Oro. La Shark Bay era perfetta per noi e per i più piccoli perché l’acqua è ad altezza graduale, partendo come una spiaggia con tantissima sabbia bianca, che si trova anche nei fondali mentre si va sempre più verso l’acqua alta. Inoltre qui, ad orari specifici e preceduti da una comunicazione, si formano delle onde artificiali che fanno ballare e divertire tutti a ritmo di musica! La Laguna de Oro al contrario non ha un ingresso graduale e l’acqua è subito alta, motivo per cui se avete bambini molto piccoli, la Shark Bay è a mio avviso da preferire.

Davanti alla Shark Bay noi avevamo il nostro ombrellone di paglia con due lettini e una cassetta di sicurezza.
A questo punto devo fare una parentesi. Ho trovato molto ingegnoso il sistema di pagamento e di sicurezza all’interno del parco. All’ingresso del Caribe Bay, vengono forniti a tutti i visitatori dei braccialetti che non devono mai essere tolti (vanno tenuti al polso anche dei bambini più piccoli). A cosa servono i braccialetti? Innanzitutto a pagare. Per una questione di sicurezza infatti, all’interno del Caribe Bay non vengono accettati contanti, ma tutto viene pagato con il bracciale. Come? Si appoggia semplicemente il braccialetto al sistema di pagamento che si trova in ogni cassa presente nei punti ristoro del parco e si paga.

Interessante sapere che, gli adulti hanno mediamente a disposizione 70€ circa nei propri braccialetti, mentre i bambini hanno un budget che è intorno ai 30€. Inoltre, i braccialetti, ne viene abilitato uno per ogni nucleo famigliare, hanno anche la possibilità di aprire e chiudere le cassette di sicurezza che sono disposte sotto gli ombrelloni o in una sezione separata del parco dove si trovano le cassette di sicurezza. In questo modo, andando a fare il bagno o i giochi, non è necessario portare alcunché con sé, ma lasciando tutto al proprio ombrellone e le cose più importanti nelle cassette di sicurezza chiuse, si è completamente tranquilli.

Tornando a noi, dopo essersi divertiti e aver giocato, se viene un languirono che si fa? Giulio ha voluto la pasta e così è stato accontentato con degli spaghetti al pomodoro classici, io invece ho preferito assaggiare i noodles, che non provavo da una vita, forse proprio dal mio ultimo viaggio in Thailandia. I punti ristoro all’interno del Caribe Bay sono tantissimi, precisamente 10. C’è di tutto, dalla frutta fresca e i gelati, i frullati e gli smoothie al piccante con il messicano, hot dog e hamburger, alette di pollo, sushi e noodles appunto, ma anche tanta cucina italiana. Inoltre i chiringuito propongono cocktail e acqua di cocco e bevande a base di frutta. Per grandi e bambini c’è davvero l’imbarazzo della scelta e come dicevo prima, si paga tutto con il bracciale.

Una parte importante del Caribe Bay è quella dedicata agli spettacoli. Non l’avrei mai detto, perché già in un posto così grande e bello, le attrazioni che ci sono bastano per il divertimento di tutta una famiglia. Invece, all’interno del Caribe Bay e ad orari stabiliti (che si trovano sempre nei programmi dei depliant all’ingresso) si svolgono tantissimi spettacoli, ideali per i bambini ma credetemi, anche per gli adulti. Io e Giulio (più io in realtà) ci siamo visti e goduti il Peter Pan Show sulla nave di pirati. Uno spettacolo fatto da professionisti, ballerini e nuotatori che si buttavano da altezze vertiginose e lasciavano a bocca aperta tutti.

Un’ultima nota voglio dedicarla al Caribbean Golf, a cui si accede non direttamente dalla struttura del Caribe Bay, ma dal suo esterno. Il Caribe Bay e il Caribbean Golf sono aperti entrambi dalle 10 alle 18. Il Caribbean Golf è un minigolf da 24 buche a tema piratesco. La cosa interessante è che, presentando il biglietto d’ingresso di Caribe Bay alle casse del Caribbean Golf, nello stesso giorno, si avrà diritto ad uno sconto sul prezzo del biglietto.