Ho volato con Norwegian anni fa, il mio primo volo Roma – Stoccolma e poi gli ultimi su Oslo da Milano e da Oslo a Bergen e viceversa per tornare a casa. Non ricordavo quanto fosse comoda Norwegian finché non l’ho ripresa nuovamente. Una low cost solo all’apparenza che ha però tutte le carte in regola per volare con grande stile. Personalmente mi sono trovata molto bene e quel che mi dispiace di più è che non ci siano voli da Bologna al momento.

Come si vola con Norwegian? Facciamo un po’ il punto della situazione, parlando dei voli con i più piccoli. In questo articolo vi racconterò quello che mi è piaciuto di più della Norwegian e anche degli aeroporti norvegesi che sono molto, ma molto distanti dai nostri standard italiani.

Low cost sì, ma non troppo

Norwegian è considerata a tutti gli effetti una compagnia low cost. Sinceramente è una delle ultime cose che si pensa entrando in aereo. Lo si nota esclusivamente dal fatto che non vengono serviti snack o pasti durante i voli a corto e medio raggio. Ad esempio per Oslo da Milano, tratta che dura poco meno di 3 ore, non ci è stato servito nulla. Invece per i voli a medio/lungo raggio, come da Europa a Stati Uniti, c’è la possibilità di acquistare dei “pacchetti” con il cibo a bordo, o eventualmente di comprarli in aereo.

Cibo a parte, Norwegian a me è sembrata un’ottima compagnia aerea, per diversi motivi:

  • si sono ricordati che con noi viaggiava un neonato e nel mio sedile all’arrivo in aereo c’era già la cintura anche per Giulio;
  • anche se il volo è durato poco meno di 3 ore, c’era un piccolo monitor con cartoni animati, sia all’andata che al ritorno (ottimo per i piccoli viaggiatori che non dormono)
  • il wifi a bordo è gratuito e funzionante per tutte le tratte

Qualità degli aerei sopra gli standard

Ci sono alcuni voli charter che sono indecenti, a dire poco. Altri aerei di linea che non sono poi così moderni. Norwegian mi ha stupito per la pulizia e perché ogni sedile, ogni aereo preso (4 in 6 giorni) non aveva davvero niente fuori postoIl personale super gentile e anche professionale, cosa che altre compagnie (low cost o meno) non possono sempre vantare.

Infine, una cosa bellissima che se non sbaglio c’è da questo anno, è la possibilità di conoscere gli Eroi in Coda. Si tratta di oltre 50 eroi norvegesi che sono rappresentati nella coda degli aerei della Norwegian. Nel sito di Norwegian si trovano tutti, anche se questa pagina del sito è solo in norvegese. Tra i tanti che magari a noi saranno sconosciuti, ci sono i famosissimi Edvard Munch, Greta Garbo, Hans Christian Andersen e tanti altri.


Tocco di classe: wifi free a bordo

La mia prima volta con Norwegian, se non erro era il lontano 2012, il wifi era un’assoluta novità in aereo. Ricordo che andava un po’ a singhiozzo, ma ci stava erano le prime volte, ma questo volo è stato diverso! Il wifi veloce e funzionante su tutte le tratte è stato utilissimo per me che così potevo lavorare un po’, leggere le ultime mail e seguire l’attività di qualche cliente anche dall’aereo. Direte voi, se devo usare il wifi per lavorare, preferisco non averlo!

Eppure non avete idea di quante persone intorno a me lo usavano. Certo, non dico di passare 10 ore attaccati allo smartphone, ma se può essere utile per controllare che il vostro treno sia in orario, o mentre andate in un paese straniero, l’indirizzo esatto dell’Hotel che non vi eravate annotati o scegliere il ristorante per le sera, perché no?!

Inoltre è possibile usufruire dei Video on Demand, si pagano e hanno un costo di 5€ e si possono vedere direttamente dallo smartphone o dal tablet. Se non riesci a finire di vedere il film a bordo, puoi vederlo ancora per le restanti 24 ore. Una cosa che purtroppo non sono riuscita a provare, ma che giuro di vedere nel prossimo volo, magari in uno verso gli Stati Uniti!

Aeroporto norvegesi, perché dico sì!

Gli aeroporti norvegesi sono meravigliosi, sarebbe da andare in Norvegia anche solo per vederne qualcuno. Altroché i nostri italiani (senza che nessuno si offenda), qualità sopra gli standard, architettura all’avanguardia e spazio, per fare e per pensare. Inoltre luoghi per i piccoli, sia nell’aeroporto enorme di Oslo, sia in quello più piccolino di Bergen, sia all’arrivo che alla partenza.

In quello di Oslo mi è capitato di trovare un aereo parco giochi per i piccoli viaggiatori e questo è stato solo un inizio di quello che avrei visto durante il mio viaggio in Norvegia (se siete curiosi potete dare un occhio al mio post sui parchi norvegesi per bambini).

Ristoranti e caffè uno più bello dell’altro, ciascuno arredato in modo diverso e unico con tante proposte di cibo, dal sushi alla pizza, dal thailandese al salmone fresco (che, ve lo dico, in Norvegia ha un sapore unico e spettacolare!).
Lo spettacolo degli aeroporto ha avuto il culmine, quando da Berge a Oslo, ad attenderci