L’esperienza di dormire su una casa sull’albero mi ha sempre particolarmente affascinato. Ricordo da piccola di averne vista una, ma mai c’ero salita sopra, ne ci avevo mai dormito, figuriamoci. Forse poi il mio ricordo non è nemmeno così vero, forse è falsato da quello che avrei voluto, che mi sarebbe piaciuto e non è mai stato. 

Detto questo, io su una casa sull’albero ci sono stata finalmente stata, e dovevo arrivare a 30 anni e rotti per capirne la bellezza! La Casa sull’Albero in cui sono stata io, si trova a Malgrate, a pochi km da Lecco, affacciata proprio sul Lago di Como. L’ho scoperta perché questo boutique hotel fa parte dei Preferred Hotels & Resort che ho sempre guardato con grande curiosità per la bellezza delle rifiniture e delle proposte, non solo in Italia, ma in tutto il mondo.

casa-albero-esterno-01

La casa sull’albero in cui ho avuto il piacere di dormire, non è una vera e propria casa sull’albero. Quando pensiamo a una struttura di questo tipo infatti ci vengono in mente rami e foglie, l’altezza, la paura di cadere e magari anche qualche confort in meno rispetto a quello che potrebbe offrirci un hotel standard. Ecco no, la mia Casa sull’Albero è una chicca, un luogo in cui sentirsi al sicuro ma allo stesso tempo a contatto con la natura, come se ci si trovasse sospesi su una pianta in mezzo ad alberi secolari con una vista pazzesca.

casa-albero-stanza-01

casa-albero-letto-01

Dodici sono le suite presenti in questa struttura che vanno dai 20 ai 35 metri quadri, tutte le pareti sono fatte di vetro che comunque possono essere chiuse con una tenda o direttamente con una tapparella elettrica di legno. L’unica eccezione è per il bagno, ovviamente, che si trova più riparato, proprio davanti all’ingresso della stanza. Il riscaldamento è a pavimentouna cosa che adoro letteralmente – e l’arredo è minimal ma di classe. Le camere sono fronte lago o fronte giardino e possono essere al piano terra o al piano rialzato, come nel caso della mia camera. La mia vista, ve lo devo dire era impagabile. Svegliarsi in un contesto così – avevo appositamente scelto di non tirare le tende di fronte a me per godermi il panorama al risveglio – è stato uno dei momenti più appaganti di tutta la settimana.

casaalbero-esterno-01

Un’altra cosa che mi è piaciuta fin da subito, fin da quando l’ho letta nel sito a dire il vero, è l’Honesty Kitchen. La Casa sull’Albero al momento non ha ancora una cucina funzionante a tutti gli effetti, ma la cena e la colazione vengono preparate da un cuoco che propone giornalmente piatti e menù che variano in base alla stagione e alla disponibilità. Tutti i prodotti sono del territorio e la cena è un momento magico per rilassarsi e assaporare le prelibatezze a km zero. Ma l’Honesty Kitchen non è assolutamente solo questo, anzi.

casaalbero-piatto-01

casaalbero-cucina-01

Un frigo, anzi due frigoriferi giganti si trovano nell’Honesty Kitchen e all’interno si trovano bevande tra cui succhi di frutta, yogurt, acqua, vino, birra e chi più ne ha più ne metta. Tutto quello che si trova qui può essere preso da ognuno degli ospiti ad ogni ora del giorno e della notte, tanto la cucina è sempre aperta. Un piccolo taccuino si trova sopra il tavolo antistante il frigorifero ed è qui che l’ospite può segnare, in completa autonomia e appunto onestà, quello che ha preso e desidera consumare, anche in camera.

casaalbero-succo-01

In estate la Casa sull’Albero dispone anche di una piscina all’aperto, che però a metà ottobre viene generalmente chiusa, mentre tutto l’anno si può godere delle sedie e del camino in giardino che si trova nella Casa. Il bello di questo posto però, a mio avviso, non sono tanto i servizi, che sì sono meravigliosi, ma quanto la calma e la pace, la sensazione di benessere che si respira anche solo stando qui qualche ora.

casaalbero

Qualcuno mi ha chiesto se è un posto romantico, la mia risposta è stata no, o meglio… è sì un luogo assolutamente romantico da condividere e da vivere in coppia, ma è anche un posto in cui riposarsi e coccolarsi anche se si è da soli, così come ho fatto io alle prime luci dell’alba. La luce e il lago erano incredibili a quell’ora e se siete curiosi di vedere qualcosa di più, metto qui sotto il video del mio risveglio!

Curiosi di conoscere meglio la Casa sull’Albero? Qui è dove Francesco Renga ha girato uno dei suoi ultimi video tra l’altro e pare abbia dormito proprio nella mia camera Buongiorno a tutti e buon mercoledì! #viaggidiFederchicca #ThePreferredLife

Posted by Federchicca on Martedì 10 novembre 2015