Top
  >    >  Gennaio

Ieri ho fatto una cosa nuova, sono andata in televisione! :D Stento ancora a crederci, ma è successo davvero. Voi avete idea dell'emozione? Appena mi è stato comunicato, la prima reazione è stata "dì-di.no, dì-di-no, dì-di-no" e intanto la mia bocca diceva "Sì" -.-" Poi ho iniziato a riflettere. Oddio la televisione! Adesso mi vedranno tutti, sapranno tutti chi sono. Che poi questi "tutti", chi sono? Probabilmente hanno visto la trasmissione tutti i miei parenti e i miei amici stretti, bè quasi tutti, qualcuno se n'è dimenticato, qualcuno forse volutamente, ma che ci vuoi fare?!

A parlarvi del Giappone ho iniziato subito dalle cose belle, descrivendovi le cinque cose che più mi sono piaciute del paese. Oggi invece voglio scrivere di quello che in Giappone non mi ha entusiasmato, quello che mi ha lasciato un po' con l'amaro in bocca. Di ogni paese a mio avviso c'è una parte bella e una meno bella, c'è una parte che si vorrebbe vivere  sempre e un'altra che invece... lasceremmo volentieri agli altri!

Come spesso accade quando si visita un paese straniero, ci sono subito cose di cui ci innamoriamo al primo sguardo, e cose che non ci vanno giù affatto. Io le mie cinque cose che mi sono piaciute del Giappone, le ho scritte tutte in questo post, buona lettura :)

Quante volte ho sentito questa parola durante il mio viaggio di 10 giorni in Giappone? Tantissime! "Arigatou gozaimasu" quando uscivo da un locale, "Arigatou gozaimasu" quando compravo qualcosa, quando passavo i tornelli della metropolitana, quando il controllore mi ridava il mio biglietto in treno. Arigatou so bene cosa significa, lo sapevo anche prima di partire. Tra le 10 parole straniere che sappiamo praticamente da sempre, arigatou ci rientra alla grande.