Top
  >  2015

Non ricordo più come avevo concluso il post di fine 2014, ma chi se ne frega! Anche il 2015 è finito ormai e sta per iniziare un anno incredibile. Ricordo bene che l'anno scorso a quest'ora stavo girovagando per le strade di Kyoto e poi di Tokyo e i primi giorni dell'anno ero al tempio a leggere quello che gli oracoli avevo predetto per me. Dicevano che sarebbe stato un grande anno questo 2015, ma non sapevano quanto, evidentemente.

Non ero mai stata in una lounge, una lounge vera e propria, fino a quando a Vienna non mi hanno accompagnato in una delle tre meravigliose sale della Austrian Airlines. Sì, avete ragione, c'ero stata quella volta in Thailandia, ma per pochissimo tempo, praticamente una toccata e fuga, ma questa volta è stato diverso, diversissimo.

Appena tornata da Vienna, non lascio correre nemmeno una settimana per parlarvi di questa meravigliosa città. Era la prima volta che vedevo Vienna, ma non la prima volta che visitavo l'Austria e devo dire che la città mi è piaciuta parecchio.E' talmente ricca di fantastiche cose da vedere che, come spesso dico delle città che in inverno cambiano totalmente faccia, sarebbe meglio visitarla almeno almeno due volte, una nella stagione più fredda e una in primavera/estate, così da farsi un’idea globale. Durante questi tre giorni infatti mi sono goduta tantissimo i Mercatini di Natale e pochissimo gli spazi verdi di cui so Vienna essere piena. Sarà per il prossimo viaggio quindi ;)

Due giorni fa sono tornata dal mio ultimo viaggio aereo in gravidanza. Venticinque viaggi in otto mesi, questo bambino non è ancora uscito dalla pancia e ha già volato molto più di una persona normale. Perché ci tengo a dire queste cose e a fare questo post? Perché sono un po' arrabbiata e vorrei fare un po' di chiarezza. Perché sono tante le ragazze che in questi mesi mi hanno scritto bellissimi messaggi di ammirazione, ma anche tante le persone che mi hanno scritto messaggi di preoccupazione per la loro gravidanza, perché pensavano che non potessero più volare una volta incinta... ma del resto era quello che pensavo anche io, almeno all'inizio. 

Quando si soggiorna in un hotel, lo si confronta con gli altri per qualità e prezzo, ma non sempre si è fortunati, perché i siti possono ingannare, le fotografie anche, le recensioni non ne parliamo. Io ho saputo scegliere. Sono stata all'Hotel Milano Scala per una sola notte, ma me la sono goduta a pieno. In occasione dell'apertura del Temporary Store Bauli, sono arrivata a Milano nel primo pomeriggio e sono ripartita con calma la mattina dopo. Giusto il tempo di godermi la camera, il letto, il caffè in camera, la colazione e il salotto comune.

Durante il mio ultimo viaggio in Puglia ho fatto assieme ai miei compagni di avventura un'esperienza bellissima, ho partecipato ad una cooking class di Dire Fare Gustare, precisamente a Conversano. L'associazione culturale Dire Fare Gustare la cito e ve la presento, perché credo meriti per la passione di Mara e Marina, per la strada fatta in questi anni e per l'amore per la propria Terra che si sente tutto quando parlano dei prodotti e delle loro attività.

Ieri sera sono stata a scoprire la nuova linea Ruggero Bauli a Milano, precisamente in Piazza XXV Aprile, di fianco a Eataly per intenderci, se conoscete la zona. A Milano, la Bauli ha allestito un temporary store per promuovere e far conoscere al meglio la nuova linea natalizia. Ma questa linea cosa propone di così innovativo? Vi chiederete voi, ecco leggete qui sotto!

Tre destinazioni che mi hanno sempre fatto gola, e che finalmente ho potute visitare tutte in un solo weekend. In questo post vi racconto quello che mi è piaciuto di queste zone specifiche tra la Puglia e la Basilicata quello che ho mangiato a Bari, e lo street food che non posso scordare, i sapori e i panorami di Matera.

Ero arrivata a Milano da tipo un'ora, di corsa dalla stazione per un appuntamento in zona Via Savona e ad accogliermi all'uscita della metro avevo trovato Paola di Soup Opera. Era un po' che ci inseguivamo, rincorrevamo, insomma che volevamo conoscerci. Siamo state insieme tipo 10 minuti, per la serie, è stato bello vederti anche solo per un attimo e poi io sono corsa al mio appuntamento, ma prima di andarmene, Paola è stata così gentile da indicarmi un paio si posticini dove avrei potuto mangiare dopo il mio incontro, uno di questi era proprio Amuse Bouche

Durante i miei giri di lavoro a Milano, ho pensato bene di appuntarmi qualche ristorante e posto dove andare a mangiare. Il primo giorno ho scoperto Squisini, mentre il secondo giorno ho scoperto Mantra raw vegan. Come l'ho scovato? Se vi dico, in una delle mie tante notti insonni, vi preoccupate?