Top
  >    >  Gennaio

Da qualche tempo a questa parte non passa giorno senza che qualcuno non mi dica "voglio aprire un blog!". Non dicono "come te", "come hai fatto", "mi racconti come si fa", no, non necessariamente, dicono solo: "Io voglio aprire un blog". E io mi metto le mani nei capelli.

Diciamoci la verità, quanto ci vuole ad aprire un blog?! 15 minuti forse, aprire un blog serio?! 15 minuti e 40€ probabilmente, e allora perché queste persone non lo fanno?! Hanno poco tempo?! E chi ne ha da vendere di tempo? Hanno poca voglia? No, probabilmente hanno poca passione. Quello che serve per aprire un blog, ve lo dico qui così la prossima volta che me lo chiedete vi passo il link, è avere una passione. Senza di questa ne soldi, ne tempo, ne tecnica servono a qualcosa. Aprite un blog e iniziate a scrivere, se davvero lo volete.

Madrid è una città accogliente, solare e piena di gente che limona. Sì, è proprio così. Non è Parigi la città dell'amore ma è Madrid. Qui dove ti giri c'è gente che si bacia, che si abbraccia e che limona, detto in gergo giovanile. Durante il mio soggiorno a Madrid non passava mezz'ora senza qualcuno che dicesse "limone a ore 14.." o "limone pesante a ore 9". Su Madrid non avevo alcuna aspettativa, anzi pensavo fosse "la solita città spagnola piena di divertimento la notte e con la gente che si alza presto la mattina" e invece. E invece io ho trovato una città davvero vivibile, giovane sì, ma nemmeno esagerata nei suoi divertimenti, e molto molto molto adatta alle famiglie.

Ammetto. Io mi sono fatta fregare, e alla grande poi. Rinizio.

Quando sono arrivata a Sharm la sera tardi la nostra "guida" ci ha dato appuntamento per la mattina seguente nella hall ell'hotel: "Ci vediamo domani che vi spiego un po' come funziona". Ok. L'indomani mattina Bassem, il nome della nostra guida, ci ha spiegato cosa potevamo fare in hotel, cosa vuol dire all inclusive soft eccetera eccetera eccetera. Alla fine del discorso ci allunga un foglio con tutte le escursioni da fare o non fare.

Quando si parla della maledizione di Tutankamon di solito ci si riferisce, storicamente parlando, alla maledizione che colpì l'esplorazione che nel 1922 colpì tutte le persone che scoprirono la piramide e quindi la tomba del faraone Tutankhamon. Parlando invece di luoghi comuni, quando si parla di maledizione di Tutankamon, ci si riferisce alla maledizione che prende lo sprovveduto turista occidentale che si reca in Egitto per la prima (?) volta. Come sopravvivere? Ecco qualche trucco, meglio, consiglio, per non rischiare di passare tutta la vacanza tra il bagno e il…bagno :)

Quando in Hotel ci hanno presentato le escursioni subito l'occhio è caduto sulla giornata al Cairo. Certo la fatica è tanta, abbiamo pensato, tocca partire all'una di notte, attraversare tutto il deserto del Sinai e arrivare al Cairo alle 8 della mattina per girare praticamente tutto il giorno, ma vuoi mettere?

Così abbiamo pagato i nostri soldi dell'escursione, 80€ che comprendevano viaggio, pranzo e tutte le attività al Cairo, ci è sembrato onesto e abbiamo atteso la giornata *-*

Sharm el Sheikh è una città artificiale e nuova, costruita in toto circa 25 anni fa, è un po' come Las Vegas, costruita dal nulla in mezzo al deserto del Sinai. Stare nel deserto del Sinai, non fatevi ingannare, non significa che avrete il Monte Sinai a due passi da voi perché comunque dista circa 250km da Naama Bay (per intenderci).

Non sono mai stata a Sharm el Sheikh, ecco perché quando mi hanno detto che avevo vinto il concorso organizzato da MapTalks in collaborazione con Tui sono stata davvero tanto felice. Non so se avrei mai pagato per andare a Sharm, non è sinceramente una meta che mi affascina particolarmente, più che altro per il fatto delle escursioni "organizzate" e perché bisogna affidarsi quasi totalmente a un'agenzia viaggi. Ma come premio, bè, come premio sfido chiunque a dire di no ad un viaggio così:P