Lo sfondo sembra quello di Sydney, le facce sono solo felici. Oggi sono stata al Bioparc di Valencia, un posto che nelle mie due precedenti visite alla città avevo, non so perché, snobbato. In realtà lo so perché, sono venuta a Valencia due volte per due addii al nubilato, andare al Bioparc era l’ultimo dei miei e dei nostri pensieri. In compenso i bar e le discoteche del centro della città le ho provate tutte.

Dicevo, il Bioparc, davvero molto bello, davvero interessante. Cosa mi è piaciuto del parco? Gli animali. Una varietà di oltre 200 specie per un totale di circa 450 animali. Ad accoglierci Kielo che ci ha introdotto al parco spiegandoci che il Bioparc è nato solo 5 anni fa e che ci tengono tantissimo a far passare questo luogo non come uno zoo, e si vede, anche dalla passione che metteva nelle sue parole e che arrivava tutta.

I più carini? I lemuri, decisamente. Nella loro piccola zona riservata i lemuri correvano, saltavano e giocavano tra di loro. Non avevano alcuna paura dell’uomo e in alcuni casi sono stata io ad allontanarmi perché loro mi venivano proprio incontro. I piccoli lemuri infatti non stavano dentro un recinto ma… passavano in mezzo alle persone *-* incredibile.

Per leggere tutto la giornata a Valencia tra il Bioparco e Benicassim vi consiglio questo post su Borghiamo.