Ero tornata a casa solo sabato mattina dal Marocco e quindi da Milano, giusto il tempo di stare a casa la domenica e via, questa mattina sono ripartita. In realtà ieri ho avuto giusto il tempo di fare tre lavatrici, pulir casa, scongelare le lasagne (fatte da me qualche settimana fa), scroccare un paio di pranzi dai miei e un aperitivo veloce. La domenica è volata, anzi no di più, complice anche il fatto che fino all’una me ne sono stata nel letto a rigirarmi a destra e a sinistra pensando che sì è bellissimo il Marocco e sì, è bellissima la Francia, ma il letto di casa, è il letto di casa!

Questa mattina la sveglia è suonata alle 6 in punto, alle 6.15 ero praticamente pronta. Alle 6.40 sono uscita di casa e grazie al cielo il mio treno era in ritardo di 5 minuti (ci avresti scommesso?) e così ho potuto prendere un caffè al bar della stazione di Rimini. Ho passato l’interno viaggio a cercare di connettermi sul Frecciarossa e tra una canzone e l’altra ci sono riuscita, a tratti. Ho fatto qualcosa di lavoro prima di arrivare alle 9.20 a Milano e dopo un secondo caffè mi sono diretta verso gli uffici di Peugeot, poco distanti dalla stazione centrale della città.

peugeot-vignetta-svizzera

Lì ho conosciuto Lua, Ramona e Andrea, i miei compagni di viaggio di quest’avventura Peugeot. Siamo saliti in auto e ci siamo diretti verso la Svizzera, prima tappa. Per entrare in Svizzera abbiamo dovuto prendere la vignetta, 40€ con validità un anno. La giornata oggi era splendida, tanto che credo di essermi abbronzata più che a stare in Marocco. La nostra Peugeot è una 5008, spaziosissima, sedili neri, portabagagli super e un sacco di cose carine con cui giocare 😀 Il navigatore è integrato ed è una bomba, la radio passava da stazioni italiane a quelle svizzere e infine francesi, l’abbiamo fatta ballare un bel po’.

peugeot-pranzo-svizzera

In Svizzera abbiamo visto cime innevate e campi verdi, il limite degli 80 km/h è assolutamente da rispettare se non volete che vi mandino a casa decine di multe, è un po’ noioso ma o così, o vi giocate uno stipendio. Lo stipendio invece tenetevelo da conto perché vi servirà per il pranzo. La Svizzera è super cara e anche un panino può venire 15€, vi consiglio il pranzo al sacco se venite qua per una scampagnata, un outlet o anche solo di passaggio. Il caffè viene 4.50€ nei loro “Autogrill”, viene voglia di portarsi via il termos pronto vero?

peugeot-5008

Dopo aver attraversato la Svizzera e aver pranzato siamo arrivati in Francia, nella cittadina di  Sochaux, un paesino minuscolo che però ha la fortuna di ospitare il Museo della Peugeot. Qui tutte le macchine e quando dico tutte, vuol dire tutte tutte, sono Peugeot! Alloggiamo in un albergo tre stelle che si trova proprio dietro il museo e domani mattina lo visiteremo. Questa sera per cena siamo andati nel paesino qui vicino. Abbiamo scelto una brasserie molto carina, anche perché gli altri ristoranti erano tutti chiusi, forse a causa del fatto che oggi è lunedì. Ci è andata parecchio bene comunque perché i piatti erano buoni e abbondanti, inoltre io non mi sono fatta mancare una nota di colore ordinando una desperados 😀

La città di Sochaux alle 21 di sera era già un mezzo deserto, ma immagino che qui la gente si svegli presto la mattina e vada a dormire altrettanto presto, sono molto curiosa quindi di vedere com’è la vita domani mattina, quando partiremo alla volta di Ginevra.

peugeot-cena-sera

Questa giornata nonostante io abbia fatto poco o niente è risultata parecchio stancante. Stare per tanto tempo sui mezzi, in auto e attenta al traffico e alle altre automobili (anche perché la macchina non è la mia) non è stato sempre semplice, anche se molto divertente a tratti. Ho fatto qualche foto carina, ho riso e cantato, alla fine si è rivelata una bella giornata e non vedo l’ora di iniziarne un altra domani 🙂 #roadtoGinevra