Devo dire la verità, se mi chiedessero di tornare all’Oktoberfest di Monaco, non so se ci tornerei. L’esperienza è bella, almeno la prima e la seconda volta, ci si diverte, si spendono un sacco di soldi e alla fine… ogni anno è uguale.

La prima volta all’Oktoberfest di Monaco di Baviera sono stata nel lontano 2007. Mi sono laureata di giovedì e il venerdì ho deciso di partire per l’Oktoberfest. Sono partita effettivamente la sera di sabato, in treno da Rimini, sono rimasta ferma a Bologna per il cambio treno almeno 5 ore perché i ritardi si sommavano ogni mezz’ora e a mezzogiorno della domenica sono arrivata a Monaco per l’ultimo giorno di festa in Germania.

birraoktoberfet-ali

Ovviamente mi sono catapultata alla festa, sono passata a lasciare lo zaino all’hotel che avevamo prenotato in extremis e mi sono lanciata in quel circo. Sono arrivata facilmente a Theresienwiese ma non so davvero come ho fatto la notte a tornare a casa. Non ricordo se alla fine io e la mia amica ci siamo fatte tutta la strada a piedi o abbiamo preso qualche mezzo.

Nel complesso mi sono divertita da morire, ho conosciuto un sacco di gente, ricordo un signore tedesco sulla 60ina, una ragazza americana con i dread e dei ragazzi di Forlì. Ho bevuto 4 litri di birra il primo giorno (e la notte sono stata malissimo), ho fatto le montagne russe e il giro della morte e un altro gioco di cui non ricordo il nome.

monaco

Ricordo solo che quel gioco girava così veloce che dalla tasca mi è volata via la macchina fotografica. Quando sono scesa un ragazzo me l’ha restituita, incredibile ho pensato. Nei bagni dell’Oktoberfest ho perso la mia catenina con il ciondolo a forma di F, mi era stata regalata solo qualche giorno prima da un’amica per la Laurea. Per fortuna dopo aver convinto delle ragazze ad aiutarmi a cercarla in bagno l’ho trovata.

Sono rimasta tutto il giorno a sedere ai tavoli mangiando e bevendo birra, conoscendo persone, parlando in un inglese incredibile.

stad-hb-oktoberfest

La seconda volta che sono andata all’Oktoberfest invece ero già più grande, era il 2012, sì l’anno scorso. Sono partita anche questa volta con il treno, ho cambiato a Bologna dove mi aspettavano i 3 provenienti da Roma. Siamo arrivati a Monaco in orario quasi perfetto, alle 6 di mattina circa. Siamo rimasti ad aspettare allo Starbucks della stazione di Monaco qualche ora, fuori faceva troppo freddo e l’Oktoberfest apre solo alle 10, non prima.

Con noi tantissimi altri ragazzi che già bevevano, forse dalla sera prima. Quasi tutti, almeno quelli tedeschi avevano indosso i vestiti della festa, quanto ho sognato un dirndl tutto mio *-* La giornata è proseguita con birra, giochi e ovviamente cibo e pretzl!

oktoberfest-federchicca

Sono tornata in hotel dopo pranzo solo per dormire e fare una doccia. La mattina mi sono divertita parecchio all’Oktoberfest, ma devo dire che se dovessi tornare quest’anno non ci tornerei.

L’anno scorso ho scoperto che i tedeschi all’Oktoberfest non ci vanno. Non era difficile da immaginare, ma l’anno scorso ne ho avuto la prova. I tedeschi durante la festa non ci pensano nemmeno di andare a pagare un litro di birra 10 o di andare ad ammassarsi negli stand dell’HB, anche se a volte ci vanno 😛

giochi-oktoberfest-monaco

Ho scoperto invece che i biergarten sono molto più divertenti dell’Oktoberfest, ci si mischia meglio e non ci si sente ad un circo. Ci si sente invece dentro la vera festa, quella che dal 1800 anima tutta la Baviera. Anche qui ci sono le ragazze vestite con i dirndl e i ragazzi che mangiano salsicce e crauti. Qui però si sente l’atmosfera vera dell’Oktoberfest e la birra viene 7€ al litro 🙂