Sono davvero emozionata nel pubblicare questo post, perché un altro piccolo sogno si avvera: portarvi con me in viaggio!
Quante volte mi avete scritto che vi faccio viaggiare con me, quante altre mi avete detto, se potessi verrei con te, quante? Ecco, questa è l’occasione giusta per provare a fare qualcosa insieme.

Tante sono le cose da dire e non vorrei che niente venisse lasciato al caso, a partire dai dettagli, che sono la cosa fondamentale di un viaggio, ma anche di un rapporto, il nostro. Innanzitutto voglio dire che è stata lunga.
Scegliere, decidere, ma soprattutto attendere. Attendere che persone più esperte di me organizzassero a dovere un viaggio che sembra cucito su di me e su di voi, che mi leggete ogni giorno e che leggete dei miei viaggi con Giulio.

Non è stato quindi merito mio, il merito va tutto a Blueberry che da sempre stimo e seguo con grande ammirazione.
Non sapevo dietro Blueberry ci fosse una persona così solare, empatica e decisamente in linea con il mio pensiero, ecco perché forse l’alchimia si è creata da subito, ecco perché a volte le cose devono proprio andare così, basta solo attendere che si presenti l’occasione adatta, e questa lo è.

Pensato per i bambini e per le famiglie

I punti di forza di questo viaggio sono tanti e sono grandi e questo è il motivo principale per cui sono orgogliosissima di presentarvi il viaggio nei minimi particolari.
Innanzitutto il viaggio è pensato per le famiglie, per le famiglie e per i bambini.
Quante volte vi siete ritrovati in un viaggio dove i bambini facevano da contorno?
Ho sempre detto e sempre dirò, che con i bambini il viaggio cambia, rallenta, si fanno le cose per loro, perché solo così si viaggia davvero e ci si sente sereni e in sintonia. Questo è un viaggio pensato per i piccoli, perché loro siano i protagonisti, perché ci si diverta facendoli star bene in primis (perché lo sappiamo, che solo quando stanno bene loro, stiamo bene anche noi).

Questo viaggio è stato pensato da due mamme, non c’è altro da aggiungere mi pare in termini di garanzia per i più piccoli.

In cottage assieme, come una famiglia

Il viaggio in Lapponia è stato pensato e adattato a noi, a me e a voi che mi leggete.
Niente hotel da 200 camere o hall dove ritrovarsi in gruppo, 3 cottage, con più camere in ogni chalet tutte con bagno privato e sauna comune. Sala comune per stare insieme, far giocare i più piccoli e ritrovarsi la sera per bere una tisana e fare quattro chiacchiere, come in una grande famiglia.

Il viaggio è stato appositamente pensato per vivere appieno una dimensione intima, non un tour con 200 partecipanti!

L’altro aspetto fondamentale che voglio sottolineare è l’organizzazione e la destinazione.
Il viaggio è pensato per visitare la vera Lapponia.
Dimenticatevi quindi Rovaniemi, noi avremo la visita di Babbo Natale, che sarà tutto per noi (niente file per fare una sola foto quindi!). Il programma è splendido e sono davvero felice che sia adattabile ai più piccoli, come Giulio che avrà 2 anni, che ai più grandicelli. Certo, se non avete figli e volete partecipare al viaggio, nessuno ve lo vieta, anzi!

Programma di viaggio

Tutto il programma di viaggio è disponibile nella pagina di Blueberry, dove verrà raccontato per filo e per segno il nostro viaggio.

Qui vorrei fare con voi alcune considerazioni in base al periodo di viaggio che sarà dal 6 al 9 Gennaio 2018.

Perché a Gennaio, vi chiederete voi, e non prima di Natale?
Le motivazioni sono essenzialmente due: innanzitutto perché a gennaio un viaggio come questo costa di meno, secondo motivo è perché in questo modo, dato che io amo follemente il Natale, possiamo allungare l’atmosfera natalizia fino all’Epifania, periodo in cui di solito ormai quell’atmosfera non si sente più!

Scherzi a parte, una delle cose a cui ho pensato subito è stato, come spiegare ai piccoli che si va da Babbo Natale quando questo è già passato con i regali?
Credo che un motivo in più per fare il viaggio sia quello di andare a ringraziare Babbo Natale di persona dopo Natale. Lui, proprio perché il periodo più intenso dell’anno è già passato, a gennaio ha molto più tempo a disposizione da passare con i suoi amici e con i bambini che vogliono andarlo a trovare, tanto che è disponibile anche a fare i biscotti assieme a noi (come da programma!).

Giorno 1 – 06 gennaio

Partenza da Roma ed arrivo a Kuusamo nel tardo pomeriggio. Trasferimento aeroportuale privato. Data l’ora tarda è previsto una light dinner calda servita in ciascun cottage. Buona notte!

Giorno 2 – 07 gennaio

Dopo colazione tutti insieme a ritirare l’attrezzatura termica (che potremo tenere per tutta la durata del viaggio). L’appuntamento con gli Husky renderà tutto ancora più magico, si parte per un safari artico. Dopo questa avventura ci penseranno le renne a farci divertire, con un giro nella slitta trainata da loro riceveremo la patente di guida delle slitte. Nel pomeriggio ciascuno potrà decidere cosa fare: un po’ di relax, una sauna, una passeggiata nella neve.

Giorno 3 – 08 gennaio

Dopo colazione tutti prontissimi per una giornata di giochi con la neve al Salonki a Iisakki Village.
Nel pomeriggio Babbo Natale bussa alla nostra porta, è davvero lui: l’originale! Babbo Natale è qui, solo per noi, per un incontro privato! Ha bisogno di aiuto per preparare i biscotti allo zenzero.

Babbo Natale ne sarà felice, e festeggerà con canti e offrendoci una buona merenda! Nel frattempo i bambini avranno tempo per creare la loro originalissima cartolina della Lapponia e spedirla a casa! Babbo Natale, prima di salutarci, farà un regalo a tutti i bambini.

Giorno 4 – 09 gennaio

E’ mattina, sveglia sveglia! Oggi si parte e si prendono ben due aerei per tornare a casa! Una buona colazione è quello che ci vuole per affrontare il lungo viaggio.

Nel sito Blueberry il programma completo, assieme al costo del viaggio, agli orari dei voli Finnair.