E`ora, domani si parte per Costa Navarino, Messinia, Peloponneso Sud Occidentale, la mia prima volta in Grecia. Emozionata e felice per questo viaggio stampa che mi vede unica blogger in mezzo a qualche giornalista che…non vedo l’ora di conoscere. Sbirciando un po’ il sito del resort o la sua pagina facebook mi sono resa conto della bellezza del posto. Una vera chicca.

La Messinia, soprannominata anche la Toscana greca, ha tantissime attività da offrire e io che sono un’entusiasta di natura non vedo l’ora di provarle tutte. Ho visto che c’è un campo da golf spaziale. Sicuramente se avrò tempo mi cimenterò in qualche buca (si dice così?!) dato che non ho mai giocato a golf. Sperando di non far danni soprattutto.

Iniziamo a snocciolare un po’ di numeri. Costa Navarino dispone di un impianto fotovoltaico da 22 megawatt, oltre 16.000 ulivi collaborando attivamente con ONG locali che si occupano di tutela di specie animali in via di estinzione. Navarino Dunes si trova in una piccola cittadina di mare, immagino la calma e la tranquillità del posto e già sogno. Le camere non sono poche, 321 camere di lusso e suite, di queste 121 dotate di piscina.

Una destinazione quindi eco-sostenibile dove ci si diverte parecchio. Qui c’è il campo da golf a 18 buche, The dune course,  e la Spa Anazoe, un’area di 4000 metri quadri dove scegliere tra un’infinità di trattamenti e opzioni benessere. L’architettura è ispirata alla classicità greca, tutta geometrie, grandi spazi.

Con me a Costa Navarino in partenza però da Milano, il mio volo parte da Roma con una compagnia greca, la Aegen Airlines, anche:

Silvia Audisio, golf journalist Il Corriere della Sera
Marta Citacov, Amica e Yacht&Sail
Carlo Vischi, food writer and editor in chief of gastromic guides publishing