Quando sento parlare di Spagna sento sempre dire, “ah, io vivrei a Madrid“, “io vivrei a Siviglia“, “io invece vivo a Barcellona“. Ecco, io a Cordoba forse ci vivrei. Forse, come sempre, come tutti quelli che visitano una città per due giorni. Però Cordoba l’ho trovata invitante, non troppo turistica e comunque molto bella. Viva, ricca, soprattutto la parte che si trova sulla collina di fronte a Cordoba, con tanti ragazzi, cani, bambini e soprattutto tutti sportivi.

All’ora del tramonto tutti prendono a correre. Incredibile. Ho pensato fosse qualcosa di obbligatorio qui. Ho pensato fosse previsto dalla legge perché tutti, anche i ragazzini e i cani verso le 20/20.30 si mettevano a fare attività.

Chi correva nel parco, chi portava i cani nel giardinetto di fronte a casa, tantissimi correvano anche in gruppo, i ragazzini con monopattini e pattini. Una cosa incredibile. Ho pensato che sarebbe un bel posto per viverci che forse presa da questo impulso sportivo mi metterei anche io a correre come loro. Poi ho visto il tramonto su Cordoba dal ponte romano e no, ho capito che io comunque anche a Cordoba rimarrei la solita pigra, che si gode il tramonto mangiando un gelato 🙂

Per leggere tutta la giornata a Cordoba e la Mezquina, leggi il post di Borghiamo.