Il bello di sabato scorso è stato che ero lì per la mia città e non dall’altra parte del mondo per chissà quale viaggio, chissà quale Ente del Turismo. A Rimini per l’intera giornata di sabato sono stata con gli amici di EuropAssistance.it a prepararmi per la corsa di 5km.

color-run-selfie-europ-assistance

Dal porto al bagno 50 circa sulla sabbia e da lì fino di nuovo al porto su strada. Cinque km in tutto che mi hanno divertita, emozionata, affaticata (un pochino) e parecchio colorata! Sì, perché la Color Run di fatto è questo, è correre assieme a chi vuoi, assieme a chi conosci o a chi impari a conoscere in strada e a colorarti, dalla testa ai piedi. Eravamo più di 11mila a Rimini sabato scorso e tutti, o quasi, sono arrivati al traguardo.

Qualcuno forse si è fermato un po’ troppo ai pit stop organizzati dai bagnini, che da buoni romagnoli sanno come imbonire e intrattenere il pubblico, ma gli altri sono convinta che sono arrivati tutti fino in fondo.

color-rum

La mia giornata è iniziata la mattina presto, ho fatto colazione con brioche e caffellatte, ho spolverato le scarpe da corsa che devo ammettere era da un po’ che non tiravo più fuori, ma con questo caldo! Poi sono scesa in strada, ho fatto due passi, un po’ di spesa e alle 12 ero già a tavola. Sì perché alle 14 volevo essere a Piazzale Fellini per andarmi a registrare, godermi un po’ il sole e divertirmi con tutte le persone che erano arrivate da Rimini e da tutta la Provincia. C’erano anche dei tedeschi, alcuni francesi, probabilmente qualche turista curioso iscritto all’ultimo momento.

color-run-intervista

Dopo i selfie di rito, ancora perfettamente puliti e profumati, ho iniziato a preparami per la corsa e la Color Run di Rimini. Assieme a Europ Assistance sono andata alla spiaggia libera, proprio davanti alla grande ruota panoramica, dove mi hanno fatto una breve intervista che potete ascoltare nel video sotto. Mi sono divertita tantissimo ed è stato tutto molto emozionante ma anche molto naturale, mi hanno messa subito a mio agio e meno male, altrimenti poi mi emoziono e non mi viene più mezza parola 😀

color-run-selfie-gruppo

Dopo l’intervista ho preso il kit della Color Run e mi sono messa i primi adesivi, Happy l’ho attaccato direttamente sul viso, mentre la fascia colorata l’ho usata per legarmi i capelli. Speravo di non colorarli troppo così e invece a fine corsa erano arcobaleno! Alle 17.30 ci siamo messi in coda per la partenza e alle 18 tra musica, balli e colori siamo partiti anche noi. La mia corsa è stata più che altro una camminata veloce, mi volevo godere la strada in modo diverso io che la conosco già così bene.

color-run-giallo

Spesso infatti la mattina presto mi trovo in spiaggia, mi rilassa tantissimo essere sola sulla sabbia mentre Rimini si sveglia. Per una volta in spiaggia a camminare non ero affatto sola (certo, non erano nemmeno le 6 della mattina) ma assieme a una marea di gente colorata. Chi si fotografava, chi correva senza prendere fiato, chi giocava, chi rideva e si prendeva in giro. Un mix di persone che erano tutte lì per un solo scopo, divertirsi in modo sano.

color-run-blu

Ogni km una stazione diversa ci faceva fare letteralmente un bagno di colore. Prima il giallo, poi il rosso, il blu, il roso e infine l’argento. Ho tagliato la linea dell’arrivo completamente colorata e felice. In tutto questo Europ Assistance per cui ho corso assieme ad altri amici, mi ha insegnato una cosa molto importante. Come dico nel video credo che una corsa sia come un viaggio e che farla assieme a qualcuno che stimi, qualcuno a cui vuoi bene, acquisti tutto un altro sapore.

color-run-federica-giuseppe

Il mio #CorriCon della Color Run di Rimini è stato assieme a tutti i riminesi che per un giorno, sono stati in viaggio con me, nella nostra città. Voi continuate a seguirli anche nel sito che si chiama appunto Corricon.me