Questa mattina sono andata dall’estetista e ho fatto una seduta di pressoterapia. Non è la prima volta che vado dall’estetista da quando sono a Roma, sono qui da 4 mesi, è la terza volta! 😀 Il passaggio dalla mia vecchia estetista riminese a quella nuova romana non è stato  affatto facile. Io ero abituata con la Lidia, una ragazza belga trasferitasi in Italia per amore e per piacere (ama l’Italia più di me :)) e ora sono abituata a Rosa, una ragazza cubana che in realtà vive a Roma da 23 anni. Trasferitasi anche lei a Roma per amore ora ha un marito e due figli e dice che Roma non la cambierebbe per nessuna città italiana e che se dovesse andar via dall’Italia allora tornerebbe a Cuba, perché non c’è niente di meglio del vivere in Italia.

Dicevo, oggi sono andata dall’estetista e ho scoperto la pressoterapia. Non avevo mai fatto una seduta prima, voi? Sono circa due mesi che ho problemi di gonfiore alle gambe, non ho 40 anni, non ne ho ancora nemmeno 30 a dire il vero e nonostante le corse mattutine alle 7, il bere acqua come fossi un cammello e le docce fredde nei piedi qua non si migliora. Ho fatto anche un doppler venoso per vedere se le mie vene erano sane o meno….sono sane per fortuna, quindi è un problema solo mio, di stile di vita. Strano però perché ce l’ho da soli due mesi – ecco così vi ho fatto fare anche un po’ di fatti miei. Tornando all’estetista, questa mattina mentre facevo la ceretta mi ha detto che piedi gonfi, che gambe gonfie…e io a dire, ma questa mattina sono andata a correre, ho fatto la doccia fredda, ho bevuto….ma niente. Così mi ha detto, perché non provi la pressoterapia? Perché no, ho pensato.

Così dopo la ceretta siamo andate nello scantinato 😮 mi ha portato in questo stanzino dove c’era un macchinario strano. Mi ha fatto mettere una tutina, mi ha infilato poi dentro un’altra tutona, mi ha chiuso su, giù, a destra e sinistra ed è iniziato il “massaggio”. La pressoterapia c’è sia manuale che meccanica, io ho scelto la meccanica, sia perché lei non aveva tempo e quella meccanica una volta fatta partire non ha bisogno di una persona al fianco che controlli, sia perché a detta sua funziona meglio. Abbiamo impostato la pressione e via. La pressoterapia funziona un po’ come quando ci si misura la pressione nel braccio, l’abbiamo fatto tutti almeno una volta nella vita. Ecco, al posto di “stringere” solo nel braccio si “stringe” in tutto il corpo. Ben 35 minuti di pressione alternata in varie parti del corpo a partire dai piedi fino alla pancia.

Nonostante i primi minuti di titubanza, “ma sicura che non prendo la scossa?”, “sei sicura che fa bene e se si blocca?”, “ci provo ma vieni a controllarmi ogni tanto”… mi sono anche addormentata, chissà quante me ne avrà dette 😀

Conclusioni. Il massaggio è stato bello, forse il massaggio manuale è più bello perché comunque hai un’altra persona dall’altra parte e non una macchina. Il massaggio mi è costato 40€ perché era la prima volta così mi ha fatto uno sconto mentre invece viene solitamente 50€, 45€ invece la seduta di pressoterapia manuale. Se vi ha convinto quando passate in zona Prati a Roma fatemi sapere che vi ci porto 😀