Dal giorno in cui Giulio è nato ho notato una cosa: la sua pelle è incredibilmente morbida e liscia, ma così tanto che è difficile da descriverla a chi non ha un bimbo o non ha mai accarezzato la pelle di un neonato. Sono sempre rimasta affascinata da questa caratteristica della pelle di Giulio e mi sono sempre domandata come io abbia fatto a perdere tutta quella morbidezza.

Ok, ci sono 30 e spicci anni di differenza e, ok esistono creme e cremine e quindi, volendo, anche io potrei riavere la sua pelle.
Ma, sicuri, sicuri, sicuri?

pampers-kit

pampers-salviette
No, secondo me così come Giulio, io la pelle non la riavrò mai.
Detto questo, fin dal suo primo giorno qui a casa, sono sempre stata molto attenta ai prodotti che usavo e pian piano ho iniziato anche a rivedere i prodotti che utilizzavo su di me, nonché le mie abitudini, la mia alimentazione, ma questo è un altro discorso. Ho iniziato a usare per Giulio i prodotti migliori, quelli più ricercati, quelli che non alteravano la naturale morbidezza della sua pelle.

Inizialmente mettevo sulla sua pelle pochissimi prodotti, un po’ di cremina dopo il cambio del pannolino e per il bagnetto solo shampoo per super piccoli, con tutte le attenzioni necessarie. Ho sempre pensato che i bimbi, più sono liberi da creme o altri prodotti, meglio stanno e così a poco a poco anche Giulio è diventato grande.
Per quanto riguarda i cambi pannolino, il mio pensiero è stato lo stesso, fin dai primissimi giorni. Quante volte si cambia in media un bimbo al giorno? Parecchie! Ad ogni cambio, quando si è in casa e si ha la possibilità di lavare il bambino, non ci sono problemi, ma quando si è fuori, in giro, in viaggio, al bar a prendere un caffè, a cena o ad un appuntamento magari di lavoro, come si fa?

pampers-paperelle

pampers-ph

Proprio per questo motivo è iniziata la ricerca della salviettina perfetta. Una salvietta che non avesse solo la proprietà di contenere, asciugare, profumare e ovviamente pulire, ma che fosse anche comoda da portare sempre con sè, in zaini e borsette di diversa grandezza. Una salviettina in grado di ripristinare il pH della pelle di Giulio, caratteristica fondamentale, ma spesso sottovalutata. A volte anche quando a casa cambiavo il mio bimbo mi succedeva di notare sulla sua pelle delicata un po’ di arrossamenti, mi sono sempre chiesta il perché di questo e oggi ne conosco il motivo.

Esistono salviettine migliori di altre.
Le salviettine Pampers Baby Fresh, per esempio, ripristinano all’istante il pH naturale della pelle del neonato, che solitamente si trova tra i 4.5 e i 6. Passando una salvietta Pampers Baby Fresh sulla pelle del proprio bimbo, oltre al sollievo immediato che i più piccoli manifestano con sguardi e sorrisi, si notano subito i benefici.
Non solo il profumo, ma anche la morbidezza della salvietta, il tessuto elastico e umido, sprigionano una sensazione di benessere, per noi mamme appena percepibile, ma per i più piccoli visibile al primo tocco. A dimostrarlo, oltre alle esclamazioni di gioia, c’è anche la morbidezza della loro pelle che torna a essere esattamente come quando li abbiamo abbracciati per la prima volta.

pampers

Le mie preferite in assoluto sono le salviettine Pampers Baby Fresh Travel Pack, quelle mini, che è possibile portare in borsa, in aereo, in treno… ovunque! Una confezione formato ridotto che riesce a dare la sicurezza del cambio perfetto anche fuori casa, come per esempio nel bagno di un aereo, dove non si può contare su nessun altro aiuto; posso assicurarvelo: l’ho testato più e più volte, insomma a prova di mamma!

In collaborazione con Pampers