Come ci fregano i soldi con le multe. Attenzione

Scrivo questo post per salvarvi. Per me è troppo tardi, dovrò pagare ben 200€ di multe…del 2010, non male!

Scrivo questo post perché l’altro giorno mi sono arrivate delle multe a casa di due anni fa, si diceva che erano state pagate in ritardo. Vado a ricontrollare e con e trema soddisfazione penso “ah, si son sbagliati loro, adesso gliene dico quattro”. Ma come spesso accade in quest’Italia che non funzione, perché tante cose non funzionano o funzionano male, la ragione ce l’ha sempre lo Stato (mi verrebbe da scriverlo in minuscolo ma ho ancora un po’ di rispetto per il mio Paese, per il Paese ho detto e non per lo Stato).

Quindi vado (anzi va mio babbo, ma per semplicità nel racconto dirò che sono andata io) dai carabinieri. Una volta, ma era chiuso nonostante gli orari ne indicassero l’apertura (valli a capire), due volte e anche tre volte. Alla fine riesco a capire com’è andata e come ci fregano quotidianamente, senza rispetto.

Cosa sappiamo noi. Noi sappiamo, come vedete scritto nella notifica della multa nella foto sopra, che la multa va pagata entro 60 giorni, non due mesi, tendono a precisare, ma 60 giorni.

Cosa succede invece. Oltre a dover pagare la multa entro 60 giorni dovete stare bene attenti alla data del ritiro. Cercherò di spiegarvela nel miglior modo possibile, essendo chiara, perché loro non dicono nulla ed è giusto che si sappia.

In sostanza se mi notificano una raccomandata alle poste il 18 ottobre e io la ritiro il 19 ottobre i giorni vengono contati dal 19 ottobre quindi dalla data del ritiro e così via fino al decimo giorno, quindi fino al 27 ottobre. Ma, attenzione, se me la notificano il 18 ottobre e la ritiro dopo 10 giorni, mettiamo il 3 novembre, quindi ben 17 giorni dopo il conteggio dei giorni avviene comunque dal 27 ottobre alla fine del decimo giorno e mi “mangio” per così dire ben 7 giorni.

Questo vuol dire che secondo i loro calcoli io avrò 7 giorni in meno per pagare la multa, mi io queste cose non le so perché nessuno me le dice, nemmeno sono scritte nella notifica della multa. Ora questa vi sembra una cosa seria o vi sembra un modo per fregare dei soldi? Quando mio babbo ha contestato questo ai carabinieri loro gli hanno dato ragione. Viviamo proprio un bel Paese è vero, ma il suo Stato è un vero schifo.

Post Tagged with ,
  • Mauro

    Federica, capisco che pagare le multe non è mai una cosa piacevole, ma anche qualora tu abbia subito una piccola ingiustizia, il che mi pare tra l’altro discutibile in questo caso, ti pare giustificabile lasciarsi andare a giudizi apocalittici quali lo “Stato fa schifo” tout court ? C’è già tanta gente che soffia sul fuoco e qui su internet più che mai, per cui nell’esercizio della critica se si vuole avere una qualche utilità e se l’obiettivo è migliorare le cose bisogna essere estremamente freddi e lucidi.
    Credo tu debba osservare su questa platea pubblica, visto che hai un nutrito e meritato seguito, una maggiore serenità ed obiettività di giudizio.

  • federchicca

    Mauro, appunto perché ci sono tante persone che leggono fortunatamente questo blog mi sento in dovere di essere precisa. Lasciando stare le considerazioni personali, che possiamo mettere o scrivere come ci pare io credo che questo cavillo al quale la Polizia Municipale di Rimini fa leva sia discutibilissima, anzi. Se io non conosco una legge, come faccio a rispettarla? E non si tratta di una colpa che può essere imputata a me, si tratta proprio di mancanza di informazione e sinceramente vorrei sapere dove e come questa cosa si legge altrimenti come me sono rimaste “fregate” tantissime altre persone.

  • anna

    Fede, sono con te, mi sembra che tu sia stata abbastanza pacata e indignarsi non solo é lecito, ma doveroso. Grazie per averlo fatto.

  • federchicca

    Grazie Anna dell’appoggio, vedremo come andrà a finire :)

  • http://blog.mattiamarasco.it Mattia

    “In sostanza se mi notificano una raccomandata alle poste il 18 ottobre e io la ritiro il 19 ottobre i giorni vengono contati dal 19 ottobre quindi dalla data del ritiro e così via fino al decimo giorno, quindi fino al 27 ottobre. ”

    Non riesco a capire questi dieci giorni cosa sono?

  • federchicca

    Significa che se la ritiri il 29 ottobre forse tu conterai quel giorno come primo dei 60 giorni per pagare la multa, ma loro lo conteranno già come terzo giorno. Dopo dieci giorni scatta in automatico il conteggio…ma sulle multe questa cosa non configura.

  • http://blog.mattiamarasco.it Mattia

    Si Fede capisco il tuo desiderio che sia segnalato in modo chiaro però è anche vero che secondo il tuo ragionamento io potrei andare a ritirare la multa anche 4 mesi dopo e quindi far cominciare i 60 giorni 4 mesi dopo la notifica… non sarebbe possibile.

    Che a un certo punto comunque i 60 giorni debbano partire mi sembra prevedibile no?

  • federchicca

    Non è un desiderio, è una pretesa. Scusami ma io sto parlando con lo Stato, se nemmeno lui mi garantisce chiarezza e trasparenza dove la devo pretendere? Io posso certo pensare che prima o poi quei giorni inizieranno ad essere contati, ma scusa, se nessuno me lo dice o me lo scrive, io come lo so? Si chiama legge e si studia a giurisprudenza, quello che è scritto è legge, il resto non esiste. Se io non la vedo scritta questa cosa dei 10 giorni…non esiste e se per loro esiste e non me la comunicano, lo sbaglio è il loro che non l’hanno comunicata a dovere, quindi io ho il diritto (diritto) di chiedere spiegazioni e non pagare quello che mi si sta contestando.

  • http://blog.mattiamarasco.it Mattia

    Non stai parlando con lo Stato, stai parlando con la Municipale del Comune di Rimini alla quale senza dubbio lo Stato demanda un minimo di libertà, libertà che probabilmente in alcuni casi può causare questi equivoci.

    Sul fatto che debba essere segnalato non c’è ombra di dubbio ma non mi sembra una caso tale per cui si sputare su tutto e tutti. Ogni cosa va contestualizzata anche perché visto che come dici “sei un personaggio pubblico” e hai chissà quanti lettori hai anche una responsabilità nel non alimentare un disfattismo in stile “tabula rasa”.

  • federchicca

    Non sono per niente d’accordo. Come ho già detto su facebook ci stiamo abituando male, molto male. Sto parlando con la Polizia Municipale del Comune di Rimini che di certo però non deve rendere conto a me. Non è disfattismo il mio è semplicemente il racconto di un’amara verità che forse da fastidio al Comune o a chi per lui ma deve essere denunciata. Questo è un problema mio e il blog è un blog che parla anche delle mie vicissitudini oltre che di viaggi e altre sciocchezze. A mio avviso invece sbagliate proprio voi che non dite nulla perché questo è un fatto davvero grave. Che Ci si prenda gioco dei cittadini, è un fatto grave, anche perché come detto già su facebook (dato che si va di qua e di là) avvocato e altre persone mi hanno confermato una lunga lista di persone prese in giro da questo sistema. Io sono sostenta che forse tu ora dato che sai il giochetto non incapperai in questa svista….ma tante altre persone ci sono capitate e questa cosa non è giusta Mattia.

  • http://blog.mattiamarasco.it Mattia

    Infatti torno a dirti per l’ennesima volta che hai ragione ma che non convidivo l’atteggiamento e il modo … posso?
    Mi auguro che quel “voi che non dite nulla” fosse generico perchè di me sai poco o nulla ;)

  • federchicca

    No, di te so nulla, come tu di me. Ho portato alla luce questa cosa che non ha nulla a che vedere con la mia persona tra l’altro.
    Purtroppo atteggiamento e modo sono dettati dal fastidio di chi vuole costantemente fregarci.

  • http://www.mferri.com Mauro

    Quello che credo Mattia voglia farti rilevare (e anch’io peraltro) è che si tratta, per quello che ho capito del tuo caso, di una questione di misura, non puoi gridare al lupo al lupo perchè ti hanno storto un dito! Non fai del bene in primo luogo a te stessa. Questo se ho capito il senso della tua protesta: tu ti lamenti perchè non ti hanno informato che hai 10 giorni per andare a ritirare la raccomandata alle poste e che se vai dopo questo periodo il conteggio dei giorni parte dal decimo giorno successivo a quello della notifica, se fosse così, pur essendo giusto che venga specificato chiaramente, è comunque un allungamento del periodo entro il quale puoi effettuare il pagamento che dovrebbe partire (per quello che sapevo e per quello che è il senso comune) dal giorno della notifica (quando cioè ti hanno consegnato o tentato di consegnarti la raccomandata) dunque è un vantaggio per il cittadino che purtoppo deve pagare la contravvenzione.

    Chi ti ha risposto che “la legge non ammette ignoranza” sbaglia, non solo perche ormai anche la giurisprudenza è concorde nel definirlo un principio giuridico obsoleto ma anche perchè il funzionamento dei servizi pubblici dipende fortemente dalla condivisione delle informazioni con i cittadini, tuttavia mi permetto ancora di farti notare che i fatti da cui parti non giustificano la tua indignazione.

  • federchicca

    Mauro, chi mi ha risposto “la legge non ammette ignoranza”….purtroppo ha ragione e dicendo questo zittisce tutto e tutti.
    Ripeto comunque che non è un allungamento del periodo, ma uno scalo dei giorni ai miei 60.