Amo il Giappone, da quando l’ho visto, ma anche da prima di trovarmi nella celebre terra del Sol Levante. Certo, da quando poi ho assaporato i piatti giapponesi, quelli veri, quelli fatti bene, il mio amore è cresciuto esponenzialmente! Da allora, da quando sono stata in Giappone, sono sempre andata alla ricerca del ristorante giapponese perfetto, sia in Italia che all’estero.#cucinoconbimby

Il problema è sempre lo stesso, non si ritrova mai lo stesso gusto che si è trovato in viaggio per un solo e semplice motivo: in viaggio la cucina è più buona e non solo perché i piatti sono meglio preparati, ma anche perché c’è tutto il fattore emotivo. Il fatto di stare dall’altra parte del mondo, il fatto di stare in viaggio (fondamentale per me anche e solo questo basta), il fatto di stare in una condizione diversa da quella di casa. Insomma, tutto mi porta a pensare che quel sushi, quell’humus così buono come in quel posto lì, non lo ritroverò mai da nessuna altra parte… e in parte è così, ma non sempre.

A volte capita di provare a rifare una ricetta, un po’ per caso un po’ per gioco e in un batter d’occhio ci si ritrova in un altro Continente. Sarà che impegnandosi tanto le cose poi sono anche più gustose, un senso è andare al ristorante giapponese e valutare un piatto, un conto invece è prepararlo con le proprie mani e alla fine dire “però, non è mica così male, anzi! Quasi quasi domani sera ci riprovo”.

Ecco allora, così ho fatto io. Sono andata in un supermercato specializzato in prodotti asiatici, che certi prodotti non puoi mica trovarli al supermercato sotto casa. Sono andata alla ricerca di ingredienti particolari come le foglie di alga Kombu, i noodles e il miso. Mi sono fatta spiegare anche un po’ come accostare i sapori, mi sono lasciata consigliare, sempre tenendo bene a mente la ricetta della piattaforma Cookidoo®, che sarebbe stata la mia strada maestra per questa avventura e alla fine, ho preso coraggio e sono partita! Unica nota, i funghi shiitake secchi non li ho trovati da nessuna parte e quindi io non li ho messi. Se voi li trovate metteteli, sicuramente la zuppa avrà un sapore più deciso, altrimenti potete anche evitare, vi assicuro che la zuppa verrà buona lo stesso.




Ricetta con il Bimby® TM5

Prima di decidere di preparare la zuppa di miso con soba, è bene accertarsi di avere a disposizione tutti gli ingredienti. La maggior parte di questi si trova facilmente, ma per alcuni è forse necessaria una ricerca più approfondita o un supermercato molto fornito.
La ricetta si trova nella collection Giappone a casa tua della piattaforma Cookidoo®.

1500 grammi di acqua
10 grammi di zenzero fresco, senza buccia e a pezzi
6 foglie di alga a pezzi (io ho usato Kombu) (30 grammi circa)
15 grammi di funghi shiitake secchi
200 grammi di tofu a cubetti di 2 cm circa
2 cucchiai di salsa di soia
1 cucchiaio di Tabasco (opzionale)
mezzo lime, il succo, preferibilmente biologico
150 grammi di cavolo nero (a pezzi di 2-3 cm)
150 grammi di noodles di tipo soba
70 grammi di miso
50 grammi di cipollotti
mezzo cucchiaino di peperoncino piccante in polvere
mezzo cucchiaino di semi di sesamo neri


Procedimento per la Zuppa di miso con soba

  1. Mettere nel boccale l’acqua e portarla all’ebollizione: 12 minuti/100°C/vel. mestolo
  2. Aggiungere lo zenzero, le alghe Kombu, i funghi secchi e lasciare in infusione per 30 minuti. Posizionare il cestello in una ciotola più larga, filtrare il brodo ottenuto, trasferire i funghi e a piacere le alghe in una ciotola.
  3. Predisporre il forno a 200°C e foderare la placca del forno con carta forno. Disporre il tofu nella placca del forno e irrorarlo con salsa di soia e a piacere con il Tabasco. Tagliare a listarelle sottili i funghi scolati.
  4. Mettere nel boccale il brodo e il succo di lime, mescolare: 10 sec./vel. 6
  5. Unire il cavolo, i funghi e cuocere: 10 min./100°C/vel. 1. Nel frattempo cuocere il tofu in forno caldo per 10-15 min. (200°C)
  6. Aggiungere i noodles di soba, il miso e cuocere: 10 min./100°C/antiorario/vel. mestolo. Se necessario aggiungere 1-2 cucchiai di miso a piacere
  7. Dividere la zuppa di miso in 4 ciotoline. Aggiungere il tofu, il cipollotto fresco e insaporire con il peperoncino in polvere. Decorare con i semi di sesamo neri e servire la zuppa calda.

Il consiglio in più

Il miso di riso sostituisce il sale integralmente. A seconda della tipologia usata quindi, se di soia, di orzo o di riso, può essere necessaria aumentarne o diminuirne la quantità. Per un sapore più omogeneo è possibile conservare la zuppa in frigorifero per 1-2 giorni all’interno di un contenitore ermetico chiuso.
Il miso viene usato per insaporire zuppe e salse ed è utilizzato in moltissime ricette della tradizione giapponese, tra cui la più comune è la zuppa di miso, consumata abitualmente da milioni di persone. Viene poi impiegata in altre preparazioni come il ramen o la zuppa di udon.

Considerazioni finali

La preparazione della Zuppa di miso con soba non porta via tantissimo tempo. Una volta che si hanno tutti gli ingredienti a portata di mano, diciamo che si riesce a organizzare tutta la preparazione in poco meno di 20 minuti. In totale in poco meno di un’ora tra cottura e preparazione si ottiene un’ottima zuppa.
Posso dire che la zuppa è stata un vero successo, mi è piaciuta tantissimo e l’odore di soba in tutta casa mi ha ricordato tanto i miei viaggi in Asia, credo la rifarò davvero presto, soprattutto nelle freddo giornate autunnali e invernali o quando avrò ospiti curiosi di conoscere qualche piatto dal mondo!