Considerazioni di Federchicca

Iniziare a cucinare partendo da questa ricetta lombarda non è stato proprio semplicissimo, ma ci sono riuscita…più o meno. La difficoltà maggiore nel seguire la ricetta l’ho trovata nei tempi, che non sono specificati, ed essendo io alle prime armi non sapevo quanto tempo ci mettesse il riso a cuocersi -.-

Comunque, l’errore più grave che ho fatto è stato quello di esagerare con il dado. Il piatto, anzi, i piatti, risotto e ossobuco sono venuti bene, la cottura mi è parsa ottimale, ma purtroppo troppo saporiti 🙁

Oltre alla bottiglia di vino bianco che ho usato per sfumare risotto e carne io e Alice ci siamo dovuti bere taniche di acqua e di birra. Sì, bello, per carità, ma se un piatto è salato è salato, c’è poco da fare. Comunque, per il momento io mi do un 6+ ma la voglio riprovare per fare un po’ di pratica, qualcuno si candida come cavia? 😀

Considerazioni della cavia

“Federica mi ha fatto assaggiare il suo primo esperimento culinario..che dire..si è davvero impegnata! Con una ricetta che prevedeva 2 ore di preparazione, qualsiasi cuoco alle prime armi avrebbe rinunciato in partenza. Lei invece si è impegnata seriamente e mi ha preparato il Risotto allo zafferano e l’Ossobuco alla Milanese. I piatti erano decisamente saporiti, la cottura era perfetta e la presentazione più che soddisfacente. Unica pecca..troppo salati! Ma ho paura che abbia esagerato con il dado nella preparazione del brodo..non mi ha voluto dire quanti ne ha messi!
Abbiamo dovuto bere parecchio per farci passare l’arsura! Voto: un 7, per l’impegno!”

La ricetta di Labna per Dummies

* Per preparare un risotto per due persone ti servono

3 pungi di riso carnaroli
1 scalogno (cipolla surgelata)
1/2 bicchiere di vino bianco
brodo di carne (dado)
1 noce di burro
1 bustina di zafferano
2 cucchiai d’olio
parmigiano
sale e pepe

Prepara il soffritto: metti in una padella antiaderente l’olio e lo scalogno tritato sottile e fai cuocere su fiamma generosa finchè lo scalogno non si ammorbidisce, aggiungi il riso e fallo tostare per qualche minuto, mescolando col cucchiaio di legno, sfuma col vino, vale a dire versa il vino in padella e fallo evaporare. Aggiungi gradualmente del brodo (dado e acqua) fino a quando il riso non è tenero ma al dente, mescolando di tanto in tanto. Verso la fine della cottura versa in padella anche lo zafferano
 e mescola bene. Abbassa la fiamma, unisci burro e parmigiano e mescola ancora.
Impiatta e servi più veloce della luce!

* Per preparare l’ossobuco alla milanese invece ti servono

ossobuco di vitello, almeno 1 a persona
brodo di carne (dado)
limone
prezzemolo
vino bianco
farina
sale e pepe

Lava la carne sotto un getto di acqua fredda, asciugala con uno scottex e infarinala bene. Scalda in padella un po’ d’olio, aggiungi un cucchiaio di cipolla tritata e falla dorare. Cuoci la carne su entrambi i lati per qualche minuto, aggiungendo sale, pepe e qualche cucchiaio di vino bianco. Versa in padella brodo (dado e acqua) fino a coprire la carne e abbassa il fuoco. Lascia cuocere l’ossobuco per circa due ore, girando la carne ogni mezz’ora e aggiungendo acqua se necessario. Quando la carne è tenera aggiungi prezzemolo tritato e scorza di limone grattugiata a piacere. Fai addensare il sugo ancora qualche minuto sul fuoco. Impiatta l’ossobuco e servilo col risotto alla milanese.


Grazie a Labna per avermi dato le sue ricette for Dummies, se voi siete più avanti di me potete trovare qui le vere ricette del Risotto allo zafferano e dell’OssoBuco.

Tutte le foto della serata di cucina sono qui.