La cucina non è il mio forte e questo è ben noto a tutti. Recentemente però ho provato a impegnarmi e la sezione cucina spero me ne stia dando merito, soprattutto nei dolci, devo dire la verità. Ci sono però momenti in cui bisogna prendere la padella per il manico e impugnare un mestolo non deve fare paura, è il momento in cui si deve iniziare a cucinare…..per la sopravvivenza O_o

Ma oltre alla sopravvivenza, voglia metterci anche un po’ di gusto? Non dico troppo gusto, ma almeno un po’, affinché il pasto non faccia troppo male allo stomaco a qualsiasi altro organo del corpo. Ho preso allora il ricettario di casa, quello che mio fratello regalò a mia mamma nel lontano ’88 mi pare, tipo un regalo per la Festa della Mamma, io avevo 5 anni, e chi se lo ricorda?! Ho preso il ricettario e ho iniziato a copiare qualche ricetta, ho preso le mie preferite, il ciambellone arlecchino, la crostata con la nutella, le torte salate e i carciofini da fare sott’olio.

Oltre al ricettario, devo dire la verità, ho scaricato anche l’app di Giallo Zafferano 😀 mica perché non mi fido del ricettario di mia mamma, ma perché le ricette per farle proprie bisogna anche un po’ elaborarle da soli e quelle di mia mamma non hanno tempi di cottura, ad esempio, ne dosi ben spiegate -.- perché sono sue, lei le capisce.

Speriamo di fare un bel mix tra il ricettario su carta e l’app dell’iPhone, ma soprattutto speriamo di non mandare nessuno all’ospedale per intossicazione alimentare! ;D