Chi mi conosce sa che amo la cacio e pepe. Credo di aver mangiato praticamente solo e sempre quella da quando sono a Roma e mi capita di andare al ristorante. La cacio è pepe per me è il piatto romano per eccellenza, è quello che mi ha accolto la prima volta, è quello che sempre mi porto nel cuore. Insomma, ormai io la cacio e pepe la conosco.

C’è un posto a Roma dove non ero mai stata e dove sono andata per una serie di eventi fortuiti, sabato scorso. Sì perché Roscioli a Roma è un’istituzione, c’è gente che racconta di averci mangiato assieme a Woody Allen. Qui non è affatto facile rimediare un tavolo, devi chiamare 4 giorni prima almeno, ha poco più di 20/30 posti e si trova di fianco a Campo de’ Fiori, per la precisione in fondo a Via dei Giubbonari. Il problema, diciamola tutta, non sono i posti ma il prezzo. Venire qui vuol dire non guardare il prezzo, laddove una cacio e pepe viene 12€.

roscioli

Cos’ho mangiato? Attenzione, non leggete in prossimità dei pasti, ve ne prego.

Come antipasto, eravamo in due, abbiamo preso io l’insalata di carciofi – insalata di carciofi caldi e freddi con olio di noci, pinoli e rucola – lui l’hamburger di mozzarella – mozzarella di bufala con prosciutto di praga tagliato al coltello e scottato alla piastra, pomodorini di pachino semisecchi, pepe nero e aceto balsamico (foto qui sopra).

Come primi abbiamo preso io una cacio e pepe – divina – e lui una amatriciana con guanciale croccante – una delizia dato che l’ho assaggiata anche io perché abbiamo fatto metà! Oltre a queste due cose abbiamo preso una bottiglia d’acqua e due calici di vino. Inoltre Roscioli è in realtà anche panetteria e salumeria, quindi c’è arrivato come prima cosa appena seduti al tavolo anche un cestino di pane e pizza bianca – indescrivibile il suo sapore. Il pane te lo portano senza chiedertelo e poi te lo fanno pagare, va bè. Infine niente dolce e due caffè.

entrata

Non c’era coperto e oltre ai piatti il cui prezzo potete leggerlo direttamente nel menù che si trova nel sito di Roscioli, quello che mi ha fatto un po’ strano è stato il prezzo del caffè, 3€ l’uno, dell’acqua, una bottiglia di minerale naturale a 3€ e del pane, sempre 3€. Per il resto si vedeva tutto nel menù.

Devo dire che il nostro cameriere è stato gentilissimo e ci ha permesso di ricaricare i nostri smartphone completamente andati, mettendoli in carica alle prese della cassa. Una cosa che non avevo letto da nessuna parte e che forse mi avrebbe permesso di andare via meno piena e con qualche soldo in più, è stato che oltre a tutto quello che ordini, arrivano cose supplementari. Questo lo dico, non solo per risparmiare, ma anche perché se poi non si riesce a finire tutto dispiace un po’.

amatriciana

Quindi, sappiate che arriva sempre un’entrata e un’uscita. Oltre ai nostri due antipasti sono arrivate due piccole forme di formaggio primo sale con olive ben saporite (che assieme al pane e alla pizza facevano un ottimo antipasto) e un dolce, anche se non ne avevamo ordinati, come uscita: biscottini fatti in casa con cioccolato fondente fuso. Per il resto il locale è molto caratteristico, vale la pena venirci per una serata importante, ma ricordatevi questi accorgimenti e soprattutto, di prenotare! 🙂

Foto di Giuseppe