Il nome sembra quello di un videogioco e quasi lo è…Parrot Flower Power è un dispositivo, collegato a un’applicazione, che aiuta ad avere il pollice verde anche a chi è un po’ negato. Tipo me. Appena mi sono trasferita nella nuova casa, la proprietaria mi ha detto “spero che tu abbia il pollice verde, perché nel terrazzo ci sono due bellissimi gelsomini che nell’ultimo anno, hanno sofferto un po’“. Io ovviamente ho fatto finta di niente e ho pensato, io a malapena so cucinare e so sopravvivere, pensa cosa posso combinare con quelle piante  -.-“

Così quando mi è stato proposto da Parrot la prova di questo prodotto, sono stata ben felice di farmi dare una mano, e adesso che sono due settimane buone che lo provo, posso dire la mia.

Il prodotto si presenta come nella prima foto. Vi verrà subito voglia di giocarci e mettervi all’opera. La pila per fare funzionare il Parrot, si trova dentro la scatola, dura sei mesi, e per iniziare non avete bisogno di nient’altro. Dovete mettere il Parrot Flower Power all’interno del vaso che volete monitorare e lui si prenderà 24 ore di tempo per analizzare la pianta e poi farvi un primo report. Tranquilli, anche se la pianta è all’esterno, come la mia, non vi preoccupate perché il Parrot resiste all’acqua della pioggia e a quella dell’innaffiatura.

photoGridImage

Intanto voi, con la vostra app Parrot Flower Power, potete iniziare a giocare 🙂 A giocare sul serio!
L’app è dotata di un sistema bluetooth low energy, quindi vi basterà accendere il bluetooth del vostro iphone e sarete già in sintonia con il sistema bluetooth della pianta, ma ve ne accorgerete davvero solo dopo le prime 24 ore. L’unica pecca è che l’app è al momento disponibile solo per iPhone, se avete un telefono Android non potete usarlo, ma se avete un iPad, per dire, va benissimo comunque.

Nell’app potete iniziare a cercare la vostra pianta tra 6000 specie. Una volta riconosciuta la vostra pianta potete fare una scheda, dare un nome alla pianta, la mia si chiama Gelsomino Giramondo, e farle una foto. Una scheda tecnica a tutti gli effetti dove, dopo le prime 24 ore, si uniranno anche i risultati dell’analisi del Parrot. L’analisi della pianta che all’inizio verrà fatta dopo le prime 24 ore, in seguito le potrete visualizzare dall’iphone anche live, a patto che siate a 5 metri dalla vostra piantina.

photoGridImage-3

Per la prima settimana ho visualizzato i dati anche più volte al giorno. All’inizio il mio gelsomino era un piccolo catorcio. Non aveva abbastanza concime ne abbastanza acqua. Con un po’ di calma e molta dedizione, ogni mattina mi alzavo e accedevo all’applicazione dal mio iPhone. Mi dedicavo alla mia pianta per i primi 15 minuti della giornata 🙂 era diventato un passatempo interessante.

Dopo i primi 10 giorni ho iniziato a vedere un risultato concreto, qualche fogliolina verde del Gelsomino Giramondo stava spuntando e io ero felice. Dopo aver “sanato” la prima pianta, ho messo il Parrot Flower Power nel secondo vaso di gelsomino, che ho chiamato Gelsomino Malatino (fantasia di nomi eh!?), che come potete capire dal nome, era la pianta messa peggio tra le due.

parrot-flower

Il bello del Parrot Flower Power è che può essere utilizzato anche da più piante. Una volta “sanata” una pianta, si può mettere il Parrot in un altro vaso e così via finché non si ha il controllo completo di tutte le piante di casa. Il Parrot continua a ricordarti anche quando devi annaffiare la pianta precedente in base alle rilevazioni fatte e così, piano piano, va a finire che il pollice verde ti viene davvero 😉

Il costo. Il Parrot Flower Power viene poco meno di 50€, la sua applicazione è gratuita e si può acquistare in tre colori diversi.