Vivere in una città di mare è bellissimo. Ogni volta che lo dico qualcuno mi invidia perché è davvero meraviglioso alzarsi la mattina e avere la fortuna di fare una camminata sulla spiaggia, alzarsi e fare colazione al mare. Da quando c’è Giulio poi il mare è diventata la nostra seconda casa.

Tutte le mattine ci concediamo almeno un paio di ore di mare. Abitiamo a 8 minuti a piedi (secondo Google Maps) dalla sabbia e anche se abbiamo a disposizione qualche ora o il tempo non è dei migliori, non ci lasciamo intimidire, del resto, penso spesso, le persone pagano per portare i propri figli una settimana al mare, perché l’aria qui è diversa e la salsedine fa bene, noi che abitiamo così vicino non possiamo davvero non andare.

La mattina siamo un po’ pigri, non riusciamo quasi mai ad uscire di casa prima delle 9, il che per un neonato è tardi, soprattutto per Giulio che è il primo a svegliarsi in casa. Non piange, ma attende paziente che suoni la nostra svegli, nel frattempo parla un po’ da solo o con la sua amica ape e ogni tanto ci da qualche botta con la manina, come per dire è ora di alzarsi pigroni!

garnier-shampoo

Dalle 7 alle 9 ci vestiamo, laviamo, giochiamo, facciamo colazione e cerco sempre di uscire di casa prima che si rimetta a dormire. Giulio il pisolino lo fa quasi subito, è un dormiglione. Se riesco a portarlo fuori prima delle 9, allora si addormenterà al mare, se invece si riaddormenta nel letto mentre io finisco di preparami, allora devo attendere che si svegli e alle volte dorme per parecchio tempo.

Tutto questo per dire cosa? Che al mare ci andiamo, alle 9 o alle 10, ma ci andiamo tutti i giorni. Quando torniamo a casa, intorno alle 12 circa, il bagnetto non ce lo toglie nessuno, anche perché poi, dopo il mio pranzo, ci aspetta la dormita del pomeriggio ed è bene farla belli freschi. I prodotti che usa Giulio per il bagno sono diversi dai mie e ci mancherebbe, lui ha quelli specifici per le pelli dei neonati, delicati e il più naturali possibili. Non gli do molti prodotti, non credo che ad un neonato servano.

Io invece, che di anni che ho più di 30, ho sempre bisogno di un prodotto specifico – dai non mi fate parlare di rughe – per rinfrescarmi, idratarmi, mantenere la pelle elastica, eccetera, eccetera. Anche in gravidanza e ora che allatto, sono stata sempre attenta ad usare prodotti che non mi facessero male, ne a me ne a lui, anzi.

garnier-fresh

Shampoo Camomilla e Miele

Ho sempre trovato lo shampoo camomilla e miele unico per i miei capelli chiari e delicati. Questo shampoo non solo non li appesantisce, ma essendo i miei capelli molto chiari, riesce ad enfatizzarne i riflessi biondi non solo in estate, quando con il sole è più facile, ma anche in inverno. I capelli sono leggeri e profumati, due caratteristiche che rendono questo shampoo tra i miei preferiti in commercio, soprattutto nella bella stagione quando – so che non si dovrebbe fare – molto spesso preferisco non asciugarli nemmeno con il phoon, ma lasciarli asciugare all’aria.

Tonico all’estratto d’uva

Niente latte detergente in estate per me. Già mi trucco molto poco, in estate poi il trucco è ridotto al minimo. Ora che la sera non esco più con l’idea di tirar mattina poi, il mascara è un velo, mi concentro molto più sull’uniformare la pelle, tenerla sempre pulita e luminosa. Tra i prodotti che adoro in estate c’è questo tonico Garnier all’estratto d’uva che ha una caratteristica che mi piace moltissimo, è privo di alcool. Un prodotto ad azione purificante che non solo non è troppo aggressivo sulla pelle, ma contiene anche acqua d’uva, che ha un azione lenitiva, quindi purifica senza aggredirla.

garnier-ultra-dolce

Ultra Dolce Olio di Rosa

L’ultimo nato in casa Garnier è l’Ultra Dolce bagnodoccia, il mio preferito al momento è all’olio di rosa e sapone di aleppo. Da subito mi ha colpito il packacing e il colore rosa, devo ammetterlo, ma poi una volta provato ho notato che il profumo che fa la schiuma che viene prodotta a contatto con l’acqua è delizioso e anche sulla pelle la consistenza rimane setosa e morbida.
La cosa bella è che dopo un bagno come questo si ha davvero voglia di prendersi ancora più cura della propria pelle, e mentre Giulio dorme posso continuare facendomi una maschera, mettendomi uno smalto o una crema corpo, insomma i gesti di bellezza non sono mai abbastanza, anche con un figlio.