Le etichette dei vestiti, conoscere per evitare sprechi inutili. Una piccola lista per conoscere le etichette dei vestiti devo dire che mi serve. Io ero rimasta all’etichetta “dallo a tuo madre, lei saprà come si lava“, ma devo dire che ormai non potrò più usarla. Quindi mettiamoci sotto e iniziamo a capire queste etichette per evitare di rovinare qualche bel maglione, restringere qualche maglietta più del dovuto o far diventare una lavatrice completamente rossa -.-”

A quanto ho capito l’etichetta si presenta come una successione di 5 simboli che informano sulle modalità di lavaggio e cura generale del capo. Nell’ordine: lavaggio, candeggio, stiratura, pulizia a secco, asciugatura.

Lavare esclusivamente a mano, sciacquare normalmente, strizzare delicatamente.
Lavaggio a mano semplice.


Lavare in lavatrice alla temperatura massima indicata.
30° per i colori delicati. Azione meccanica ridotta, risciacquo normale e centrifuga normale.
40° per le magliette colorate e la biancheria con elastico. Azione meccanica ridotta, risciacquo normale e centrifuga normale.
60° per le lenzuola colorate. Azione meccanica normale, risciacquo normale e centrifuga normale.
95° Lenzuola bianche. Azione meccanica normale, risciacquo normale e centrifuga normale.


I trattini sotto il simbolo indicano il tipo di programma: nessun trattino programma cotone (velocità massima). Azione meccanica normale, risciacquo e centrifuga normale. Un trattino Programma sintetici (velocità media). Azione meccanica ridotte, risciacquo a temperatura decrescente e centrifuga ridotta. Due trattini Programma lana (velocità minima).


Non lavare


Asciugare nell’asciugatrice. Il punto al centro del simbolo indica la temperatura massima: nessun punto, nessuna restrizione di temperatura. Un punto Asciugatura a bassa temperatura (60° massimo). Due punti Asciugatura normale.


Non utilizzare l’asciugatrice


Lasciar asciugare all’aria aperta. Stirare immediatamente dopo il lavaggio.

Lasciar asciugare su una gruccia.

Stirare con il ferro da stiro. I punti al centro del simbolo indicano la temperatura: Un punto Stirare a ferro freddo (110°): acrilico, nylon, acetato. Due punti Stirare a ferro caldo (150°): poliestere, lana. Tre punti Stirare a ferro molto caldo (200°): cotone, lino.


Non stirare o stirare molto delicatamente (magliette stampate, ad esempio)


Indica una pulizia di tipo professionale. La lettera precisa il tipo di lavaggio. Vuoto oppure A Lavaggio a secco con tutti i tipi di solvente.
F Lavare a secco con solventi a base di petrolio del tipo solvente R113 e idrocarbonio (essenze minerali).
P Lavare a secco con i solventi abituali, a base di percloroetilene, di solvente R113 e di idrocarbonio (ma senza tricloroetilene).
W Lavare ad acqua ma senza prodotti.


I trattini sotto i simboli indicano le restrizioni: Un trattino Riduzione del lavaggio (quantità d’acqua, sollecitazioni meccaniche, temperatura dell’acqua, temperatura dell’asciugatura).Due trattini Forte riduzione del lavaggio (quantità d’acqua, sollecitazioni meccaniche, temperatura dell’acqua, temperatura dell’asciugatura).

Non lavare a secco


Non lavare ad acqua


Si può candeggiare

Non candeggiare