Metà anno già passata e metà anno di viaggi già fatti. Rimangono quelli più grossi ancora da fare, quelli che sogni ogni giorno e quelli per cui non puoi permetterti di prenotare altri voli, anche se vorresti. Siamo una famiglia che viaggia, che non sta mai ferma, anche quando potrebbe essere l’occasione giusta per fermarci, noi non ci fermiamo. Nemmeno ad agosto quando tutti vanno al mare, noi viaggiamo. #movesafe #europassistancetb

Quest’anno abbiamo comprato casa (!!!) già, poi ve ne parlerò con calma, e volenti o nolenti qualcosa abbiamo dovuto lasciare andare, o meglio rimandare. Chi ama viaggiare non si fa scoraggiare da niente, nemmeno da un mutuo, nemmeno dal dover acquistare mobili e cucina, divano e letto, chi ama viaggiare non vede oltre il proprio aereo.

Spesso mi capita di sentire tante persone che parlano di vacanze, io non ci riesco, per me la vacanza non esiste, esiste solo il viaggio. Credo di non fare davvero una vacanza da anni, tantissimi anni. La vacanza è quando stai in panciolle a non fare nulla, non esplori, non visiti, ti lasci trasportare da un programma prestabilito, che spesso non hai nemmeno organizzato tu. Per me esiste solo il viaggio, l’esplorazione, la programmazione delle giornate alla ricerca dei luoghi meno insoliti o anche di quelli più noti eh, non ci formalizziamo da questo punto di vista.

Che differenza c’è tra vacanza e viaggio?

Mi hanno fatto questa domanda recentemente. La differenza è abissale a mio avviso. Io non vado in vacanza, non parto per rilassarmi, ne all’ombra di una palma, ne nella spa di un Hotel in Austria. Spesso mi chiedo che senso abbia andare fino in Madagascar e rimanere 14 giorni chiusi in un villaggio e di gente che lo fa ne conosco tanta. Non dico che il villaggio sia un brutto posto, anzi in alcune zone del mondo è il migliore, in alcuni casi io stessa ho alloggiato in un villaggi stando benissimo, la differenza è solo lo spirito con cui si parte. Chi fa vacanza si rilassa, chi viaggia invece scopre, magari si rilassa di meno, ma non ne potrebbe fare altrimenti, e torna sempre a casa con un bagaglio di conoscenze e curiosità in più che lo portano inevitabilmente a ricercare l’entusiasmo e l’euforia del viaggio in un’altra destinazione.

Una catena che non si spezza mai, per fortuna. Chi viaggia si riconosce all’istante, bè in effetti anche chi fa vacanza.

Non ci sono modi giusti o sbagliati di partire, intendiamoci, è una cosa che ti nasce da dentro. Quando parti, sai già in che tipo di avventura ti stai per imbarcare, e si può fare un mese di vacanza, come una settimana di viaggio, non è la lunghezza che determina il tipo di avventura che stai per vivere, ma il tuo stato d’animo.

Non sono d’accordo su chi dice che scappare via per ogni weekend è da turismo mordi e fuggi, che è un modo per sprecare il proprio tempo. Ci sono tantissime persone che hanno le ferie contate e pur di esplorare e viaggiare, davvero, si accontentano delle canoniche 4 settimane all’anno. Chi invece magari può permettersi di farne anche 8 o 10, a volte finisce per sprecarlo questo tempo. A mio avviso non dobbiamo essere così categorici nel giudicare le persone.

Viaggi Nostop Family annuale

Siamo una famiglia che viaggia, sempre. Ogni weekend è buono per partire, che sia mare, lago o monti. Due o tre volte all’anno riusciamo a fare una decina di giorni tutti assieme, scegliamo posti sempre diversi, lontani, posti anche molto diversi tra loro perché vogliamo vedere quante più cose possibili per poi… iniziare il giro!

Quest’anno Giulio è diventato un piccolo viaggiatore a tutti gli effetti. Cammina, corre, parlucchia e sta iniziando a capire che quando saliamo su un aereo è sempre per andare in qualche posto nuovo, inizio a pensare che capisca il nostro entusiasmo e ne sia complice. Mi spiace un po’ inserirlo in questo nostro vortice adrenalinico così presto, chi inizia a viaggiare non smette più ed è effettivamente una droga il viaggio, davvero lo è, è stato studiato. Poi penso che ci sono così tante cose brutte nel mondo, che il desiderio irrefrenabile di scoperta non può che essere una cosa positiva e sono sicura che sarò più bravo di noi a viaggiare, lo farà in un modo tutto suo, appena gliene daremo l’occasione, appena ce la chiederà.

Se l’anno scorso la mia assicurazione di viaggio era singola, quest’anno è familiare. Abbiamo deciso che ad essere protetti dobbiamo essere tutti, appunto perché siamo sempre in movimento e non ha senso assicurarci ogni volta che partiamo, ne decidere chi assicurare e chi no, in base a chi parte. L’assicurazione deve coprire tutta la famiglia e deve essere di quelle importanti, come lo sono ogni volta inostri viaggi.

L’assicurazione Viaggi Nostop Family è l’assicurazione viaggi perla famiglia, senza limiti in tutto il mondo. L’assicurazione che abbiamo scelto noi è in versione annuale, ma per chi lo desidera si può attivare anche per soggiorni brevi, fino a 60 giorni.

L’assistenza sanitaria, che è fondamentale a prescindere, ma quando si viaggia con un bambino o con un neonato lo è ancora di più, è compresa e in viaggio ha una copertura integrale di 24 ore su 24 su tutti i costi senza limiti di massimali, pagamento diretto delle spese mediche e assicurazione bagaglio.
Dalla segnalazione del medico di riferimento all’estero fino al costante monitoraggio di una degenza ospedaliera, inclusa l’organizzazione del rientro in Italia con accompagnamento sanitario o il proseguimento del viaggio sono pratiche incluse nella nostra assicurazione. Ma vi immaginate i nostri prossimi viaggi tra Sud Africa e Oceano Pacifico? Che grande mano, anche solo per stare più tranquilli e per essere più organizzati, perché con l’assistenza sanitaria non si scherza mai, tanto più se di mezzo c’è un piccolo viaggiatore.

Inoltre le spese mediche, ospedaliere e farmaceutiche in caso di malattia o infortunio, sono con pagamento diretto presso le strutture ospedaliere o con rimborso all’avvenuto ritorno in Italia.

Parlando di un’altra cosa importantissima, vediamo la protezione del bagaglio e degli effetti personali, inclusi i vestiti indossati, in caso di furto e incendio o disguidi con il vettore. I bambini fino a 2 anni sono assicurati gratis, i giovani fino a 29 anni hanno diritto a condizioni agevolate e se viaggi con almeno 4 familiari, avete diritto ad un ulteriore sconto.